Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma
11 Dicembre 2020
9:56

Omicidio Luca Sacchi, il mistero della pistola e dei soldi scomparsi: “Fatti sparire da Del Grosso”

Non sono mai stati ritrovati i soldi, né l’arma del delitto né il cellulare del killer. Valerio Del Grosso li avrebbe fatti sparire per evitare di mettere in mezzo all’inchiesta Armando, il padre di Marcello De Propris e proprietario dell’arma che ha sparato. Tre punti sull’omicidio di Luca Sacchi sui quali non è stata ancora fatta luce.
A cura di Natascia Grbic
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma

Ci sono ancora molti, troppi misteri nella vicenda dell'omicidio di Luca Sacchi. La pistola con cui Valerio Del Grosso ha sparato non è mai stata ritrovata, così come il suo cellulare e i 70mila euro oggetto della trattativa per acquistare la droga. Sono questi i punti esposti ieri in aula dal luogotenente della sezione Omicidi Pasquale Passante. Gli imputati non parlano, gli amici del personal trainer ucciso e la sua fidanzata nemmeno. Un silenzio che ormai sembra impossibile da scardinare. E con l'arma del delitto, il telefono e i soldi scomparsi, arrivare a una visione di quello che è successo a 360 gradi è molto difficile. Ieri si è tenuta una nuova udienza del processo per la morte del giovane, che vede imputati – accusati di omicidio volontario – Valerio Del Grosso, Paolo Pirino e Marcello De Propris, Proprio quest'ultimo ha dato l'arma a Del Grosso per effettuare la rapina: la pistola, era di proprietà del padre Armando, che ha recentemente patteggiato una condanna a un anno e otto mesi per droga.

Il mistero dei 70mila euro scomparsi

Secondo quanto riportato dal luogotenente, Del Grosso ha fatto sparire pistola e telefono per non coinvolgere nell'inchiesta Armando De Propris, personaggio molto conosciuto nell'ambiente criminale per diverse rapine di cui si era reso protagonista in passato. Lo riporta Il Corriere della Sera, evidenziando come anche dei 70mila euro messi insieme da Giovanni Princi non sia ancora chiara la provenienza. In aula è stata letta anche un'intercettazione della fidanzata di Marcello De Propris, che usando il cellulare del ragazzo (lo aveva scordato a casa sua) aveva detto al telefono a un'amica: "La verità è che Del Grosso voleva compiere una rapina e gli è riuscita male". Il riferimento è ovviamente a quei 70mila euro mai trovati, contenuti nello zainetto di Anastasiya Kylemnyk, la fidanzata di Luca Sacchi. Che nel processo è sia parte offesa, che imputata per droga.

155 contenuti su questa storia
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Omicidio Luca Sacchi, la versione del killer: "Non mi ha visto quando gli ho sparato"
Omicidio Luca Sacchi, la versione del killer: "Non mi ha visto quando gli ho sparato"
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Omicidio suicidio nel Viterbese: uccide la moglie a fucilate e si spara
Omicidio suicidio nel Viterbese: uccide la moglie a fucilate e si spara
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni