Orma è fatta: il Movimento 5 Stelle si appresta a entrare nella maggioranzadel governatore e segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti alla Regione Lazio. Due gli assessorati pronti per i grillini, uno per Valentina Corrado l'altro alla transizione ecologica per Roberta Lombardi, da sempre schierata dalla parte del dialogo. L'occasione per il rimpasto, che assumerebbe una valenza politica di carattere nazionale è stato dato dal trasferimento dell'assessora al Bilancio Alessandra Sartore che andrà a ricoprire la poltrona di sottosegretaria al Mef. Sarebbe la prima amministrazione locale di rilievo dove si replicherebbe lo schema dell'alleanza giallorossa.

Per l'ufficialità mancano ancora alcuni passaggi: stasera si terrà la segreteria regionale del Partito Democratico – ieri si sono riuniti i capigruppo alla Pisana – e il Movimento 5 Stelle non è escluso che decida una consultazione online tra gli iscritti su Rousseau. Lo ha confermato Roberta Lombardi in un'intervista rilasciata oggi al quotidiano il Messaggero, nella quale ha anche spiegato come l'esito di un ingresso in maggioranza arriva dopo anni di "opposizione costruttiva", e rivendicando il percorso che ha portato il M5S a partire dall'esperienza del Governo Conte 2 a dialogare dove possibile con il PD e il centrosinistra: "Ad agosto abbiamo chiesto agli iscritti se erano d'accordo che dove ci fosse la possibilità ci si alleasse con forze politiche tradizionali. La risposta è stata positiva ed è già successo, come a Pomigliano. Una decina di gruppi 5s nel Lazio lavorano con Pd e centrosinistra per provare delle liste. Se si incontrano programmi e persone si andrà insieme, se ciò non accadrà no". 

Roberta Lombardi: " A Roma PD e M5S primarie insieme"

E a Roma? Secondo Lombardi il Movimento 5 Stelle dovrebbe accettare la sfida di fare le primarie con il centrosinistra: "Roma farà il suo percorso. A me piacerebbe un confronto su un programma con obiettivi comuni, come transizione ecologica o lotta alla corruzione. I nomi arriverebbero dopo. In questo senso si potrebbe pensare a delle primarie della rete progressista". Ma sul giudizio sull'amministrazione Raggi, con cui in questi anni è stata per usare un eufemismo dialettica, non affonda: "Questa consiliatura ha portato Roma a cambiare rotta. Mi viene in mente il film Titanic nella scena in cui la nave sta per scontrarsi con l'iceberg, lo vedono e danno l'indietro tutta alle macchine. Lì c'è un momento di sospensione perché non sanno se i motori ce la faranno a ripartire. Noi abbiamo superato lo stallo e riacceso i motori, evitando che l'amministrazione romana si sfracellasse. Ora la rotta è cambiata ma non siamo abbastanza lontani dall'iceberg".