News sul caso Hasib Omerovic a Primavalle
23 Settembre 2022
8:56

Hasib Omerovic, si cerca il vicino che ha scattato la foto del ragazzo dopo la caduta dalla finestra

La procura di Roma vuole ascoltare la persona che ha scattato la foto ad Hasib Omerovic, per cercare di capire cosa sia accaduto negli istanti precedenti la caduta dalla finestra.
A cura di Natascia Grbic
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sul caso Hasib Omerovic a Primavalle

La procura di Roma è alla ricerca del vicino di casa che ha fotografato Hasib Omerovic steso a terra nel cortile del suo palazzo, dopo essere caduto dalla finestra della sua abitazione. A riportarlo è il Corriere della Sera. Gli investigatori sperano che questa persona possa avere elementi utili a capire cosa sia accaduto il 25 luglio negli istanti precedenti alla caduta di Hasib. Ossia se il 36enne sia caduto dalla finestra per un incidente, perché si è lanciato da solo, o perché sia stato spinto dagli agenti arrivati in casa per identificarlo.

Quest'ultima tesi è sostenuta dalla sorella di Hasib, una ragazza con ritardo cognitivo che si trovava in casa insieme al fratello quando sono arrivati i poliziotti. Gli agenti hanno dichiarato che il ragazzo si è lanciato da solo, ma la famiglia vuole vederci chiaro. Soprattutto perché è stato appurato che non c'era un mandato di perquisizione per quella casa.

L'immagine che ritrae Hasib a terra non è stata ancora acquisita dalla procura. Il ragazzo è ancora ricoverato in ospedale al Gemelli, è stato per oltre cinquanta giorni in coma farmacologico. Non è ancora chiaro se porterà sul suo corpo le conseguenze di quanto accaduto nella sua casa il 25 luglio.

Da quanto si apprende, non si procederà a verificare la natura delle lesioni sul corpo del ragazzo. Il motivo è che a distanza di due mesi sarebbe impossibile capire se le ferite siano state causate da un pestaggio oppure dalla caduta.

La famiglia del ragazzo ha lasciato la sua abitazione di Primavalle per paura di ritorsioni. In attesa che gli sia dato un altro alloggio, hanno vissuto nella loro auto, in modo da stare vicino al figlio e accudirlo.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni