Elezioni comunali Roma 2021
25 Maggio 2021
22:43

Gualtieri: “Su Raggi giudizio inappellabile, ha fallito e tradito promesse. Roma cade a pezzi”

Rivolgendosi agli iscritti del Pd romano riuniti alla Città dell’Altra Economia, l’ex ministro Roberto Gualtieri, candidato dei democratici alle primarie del centrosinistra, ha lanciato quella che ha definito “la sfida per la salvezza e il rilancio di Roma, che vive da anni un declino tragico”.
A cura di Enrico Tata
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni comunali Roma 2021

Periferie abbandonate, una città che cade a pezzi, promesse tradite e cinque anni di fallimento. È un giudizio durissimo "e inappellabile" quello di Roberto Gualtieri, candidato del Partito democratico alle primarie del centrosinistra, sull'operato della sindaca di Roma, Virginia Raggi. Rivolgendosi agli iscritti del Pd romano riuniti alla Città dell'Altra Economia l'ex ministro dell'Economia ha lanciato quella che ha definito "la sfida per la salvezza e il rilancio di Roma, che vive da anni un declino tragico".

Gualtieri: "Amministrazione Raggi esperienza fallimentare"

L'amministrazione a guida Movimento 5 Stelle, ha aggiunto il candidato dem, è stata un'esperienza "completamente fallimentare. Raggi ha fallito e tradito le promesse. Oggi l'ennesima voragine inghiotte le macchine e l'amministrazione fa campagna elettorale con una spruzzata di lavori facili e tardivi, fa la romanella, dopo che per anni non si è occupata della città". Non sembra esserci alcuno spazio, quindi, per un eventuale accordo con il Movimento 5 Stelle in un eventuale ballottaggio, viste le durissime parole dell'ex ministro del governo Conte sull'amministrazione pentastellata.

Per Gualtieri la sindaca si è completamente dimenticata delle periferie della Capitale: "I cittadini e le cittadine dopo cinque anni di promesse si trovano sempre senza nulla. Le uniche risposte concrete le sta dando la Regione Lazio che sta facendo un lavoro straordinario svolgendo un ruolo concreto di supplenza del Campidoglio. Noi vogliamo una politica più alta per le periferie oltre alle opere primarie. Vogliamo servizi, accessibilità e lavoro: saranno il nostro assillo per la campagna elettorale, ma soprattutto per i cinque anni di amministrazione che verranno dopo".

"Destra ha difficoltà a scegliere il candidato, pesa esperienza Alemanno"

La sindaca Raggi oggi ha chiesto a tutta Italia di sostenere con convinzione la candidatura di Roma ad ospitare l'Expo del 2030. Ma secondo Gualtieri la prima cittadina "ha le Olimpiadi del 2024 a Parigi. Ora butta la palla in tribuna e parla di Expo. Ma Raggi sappia che se sarà percorribile, questa strada la percorreremo". Il candidato dem ha commentato anche le difficoltà del centrodestra ad individuare il candidato che sfiderà la sindaca uscente, il candidato del centrosinistra e Carlo Calenda, che non parteciperà alle primarie: "Attendo di conoscere il candidato o la candidata, come tutti. Notiamo una certa difficoltà della destra a proporre nomi nuovi, pesa naturalmente e i romani lo ricordano bene il drammatico fallimento dell'esperienza Alemanno". A margine del vertice di ieri i leader del centrodestra hanno chiarito che si punterà su un candidato espressione della società civile, ma per il momento ancora non è stato scelto.

Le primarie del centrosinistra per individuare il candidato sindaco di Roma si terranno domenica 20 giugno. I candidati sono sette: Roberto Gualtieri, Paolo Ciani, Giovanni Caudo, Imma Battaglia, Stefano Fassina, Tobia Zevi, Cristina Grancio.

100 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni