I democratici hanno lavorato fino all'ultimo alla candidatura a sindaco di Roma di Nicola Zingaretti, attuale presidente della Regione Lazio. Ma alla fine il nome forte del Pd alle primarie del centrosinistra sarà l'ex ministro dell'Economia del secondo governo Conte, Roberto Gualtieri. L'attuale maggioranza in Regione, frutto dell'accordo tra Pd e 5 Stelle, non avrebbe retto in caso di candidatura del governatore. E così Giuseppe Conte ieri ha dovuto ribadire il suo appoggio convinto alla ricandidatura di Virginia Raggi. Pd e 5 Stelle, quindi, si presenteranno divisi al primo turno, ma non è escluso un accordo in un eventuale ballottaggio tra Gualtieri e il candidato o la candidata del centrodestra, che per il momento rimane misterioso. Le primarie del centrosinistra sono previste per domenica 20 giugno.

I candidati alle primarie del centrosinistra per le elezioni a sindaco di Roma

Alle primarie del centrosinistra per scegliere il candidato sindaco di Roma per le elezioni comunali di settembre parteciperanno certamente questi candidati: Gualtieri, come detto, Giovanni Caudo, attuale presidente del III Municipio, Tobia Zevi e Paolo Ciani. Si sono poi candidati Cristina Grancio, ex Movimento 5 Stelle, Stefano Fassina e Imma Battaglia.

Roberto Gualtieri

Nato il 19 luglio del 1966 a Roma (55 anni da compiere), Roberto Gualtieri è stato ricercatore in Storia Contemporanea all'università La Sapienza di Roma dal 2000 e dal 2012 è professore associato. Membro del Parlamento europeo dal 2009 al 2019, in Europa si è occupato soprattutto di economia. Dal 2001 al 2006 è stato membro della segreteria romana dei Democratici di Sinistra e dal 2005 al 2007 membro della direzione nazionale dello stesso partito. Dal 2008, anno di fondazione del partito, è membro della direzione nazionale del Pd. A marzo 2020 è stato eletto deputato in occasione delle elezioni suppletive che si sono tenute per sostituire il seggio di Paolo Gentiloni, nominato commissario europeo.

Giovanni Caudo

Giovanni Caudo è nato il 19 luglio del 1964 (ha quindi due anni esatti in più rispetto a Gualtieri) a Fiumefreddo, provincia di Catania. Professore Associato di Urbanistica all'Università Roma Tre, dal 2014 ha ottenuto l'abilitazione a professore di prima fascia. Dal 2015 insegna Politiche Urbane e Territoriali nel corso di Laurea Magistrale in Progetto Urbano. Dal 2013 al 2015 è stato assessore capitolino alla Trasformazione Urbana con il sindaco Ignazio Marino. Tra le sue deleghe c'erano l'urbanistica, l'edilizia privata e l'edilizia sociale. Attualmente Caudo è presidente del III Municipio di Roma.

Tobia Zevi

Tobia Zevi è nato a Roma il 15 ottobre del 1983. Ha studiato Linguistica italiana all'Università La Sapienza di Roma e ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia letteraria e linguistica italiana a Roma Tre. Fino al 2018 ha collaborato con la presidenza del Consiglio, è stato consigliere del ministro degli Esteri per quanto riguarda i Diritti Umani e la Cooperazione internazionale. Nel 2013 è stato candidato alla segreteria romana del Partito democratico. Nel 2009 ha fondato l'associazione di cultura ebraica ‘Hans Jonas'. Ha scritto il libro ‘Il discorso di Giorgio. Le parole e i pensieri del presidente Napolitano', edito da Donzelli. Qua l'intervista a Fanpage.it.

Paolo Ciani

Paolo Ciani è nato il 15 maggio del 1970. Dal 2018 ricopre il ruolo di consigliere regionale nel Lazio, unico membro del gruppo Centro Solidale – Demos.
È vicepresidente della VII Commissione – Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria, welfare. Fa parte fin da giovane della Comunità di Sant'Egidio. Si definisce esperto di politiche socio-sanitarie, abitative, immigrazione ed educazione alla pace. Qua l'intervista a Fanpage.it.

Imma Battaglia

Storica leader dei movimenti LGBT della Capitale, Imma Battaglia ha ufficializzato il 19 maggio la sua intenzione di correre alle primarie del centrosinistra. La presentazione della candidata si svolgerà il 20 maggio alla presenza di  Amedeo Ciaccheri e Tatiana Marchisio di Liberare Roma, Tosca e dell'eurodeputato Massimiliano Smeriglio.

Cristina Grancio

Cristina Grancio, ex consigliera comunale del Movimento 5 Stelle, sarà la candidata alle primarie del Psi: "Sono molto soddisfatta e ritengo sia un grande onore essere stata scelta dal Psi per rappresentare la sinistra e Roma a queste primarie. Sono molto contenta che la scelta sia caduta su una donna e ritengo importante che Roma venga rappresentata da donna che l'ha seguita e ha partecipato alle sue sofferenze".

Stefano Fassina

Anche Stefano Fassina ha annunciato la sua partecipazione alle primarie del centrosinistra in programma il 20 maggio. "Al lavoro per Roma. Roma, al lavoro", il suo slogan.

Chi potrebbe partecipare alle primarie

Il presidente del Municipio VIII Amedeo Ciaccheri, che aveva manifestato l'intenzione di candidarsi, probabilmente farà un passo indietro. È probabile che il suo gruppo, ‘Liberare Roma', molto attivo in questi giorni, esprimerà comunque un candidato. Potrebbe candidarsi, con i Verdi, anche Rossella Muroni e potrebbe farlo anche Stefano Fassina. Il 21enne Federico Lobuono, fondatore del movimento La Giovane Roma, ha ufficializzato la sua candidatura a sindaco, ma non dovrebbe partecipare alle primarie del centrosinistra.

Calenda non parteciperà alle primarie del centrosinistra

L'ex ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha già ufficializzato la sua decisione di candidarsi a sindaco, ma senza partecipare alle primarie del centrosinistra. Il leader di Azione correrà da solo, almeno al primo turno, poi si vedrà. "Ieri è successa una cosa veramente strana. Da sette mesi giro la città e faccio proposte. Il Pd dice ‘vedrete la Raggi si ritirerà, verrà condannata, confluiremo su Zingaretti'. Poi alla fine la Raggi non si è ritirata, Conte l'appoggia e Zingaretti non è in grado di candidarsi. E' il fallimento di una linea politica. Insomma stiamo sempre dietro ai 5 Stelle", ha commentato Calenda la scelta del Partito democratico di candidare Roberto Gualtieri.

Il regolamento delle primarie del centrosinistra

Le candidature ufficiali per le primarie del centrosinistra a Roma, recita il regolamento, dovranno essere presentate entro il 25 maggio. Potranno votare tutti i cittadini residenti a Roma che abbiano compiuto almeno 16 anni. Per votare, bisogna esibire al seggio un documento di identità con fotografia, occorre versare un contributo di almeno 2 euro e sottoscrivere il documento sulle "Linee guida del centrosinistra per Roma".

Incognita centrodestra: ancora non è stato scelto il candidato

Intanto il centrodestra non ha ancora sciolto le riserve sul candidato sindaco: i nomi sul tavolo restano sempre quelli del manager sportivo Andrea Abodi e, soprattutto, dell'ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso. Impegnato fino a pochi giorni fa a coordinare la campagna vaccinale della Lombardia, ora Bertolaso è libero da impegni e, se Meloni e Salvini riusciranno a mettersi d'accordo, potrebbe scendere in campo.

M5S sostiene ricandidatura Virginia Raggi

Il Movimento 5 Stelle, nonostante i mal di pancia di alcuni consiglieri ‘dissidenti' (qua l'intervista a Fanpage.it), appoggerà la ricandidatura di Virginia Raggi. La sindaca ha già ufficializzato la sua partecipazione alle elezioni di settembre per cercare di mantenere la sua poltrona in Campidoglio e ieri Giuseppe Conte ha ufficializzato l'appoggio convinto di tutto il Movimento 5 Stelle: "Il Movimento 5 stelle su Roma ha un ottimo candidato: si chiama Virginia Raggi, il sindaco uscente. Il Movimento l'appoggia in maniera compatta e convinta, a tutti i livelli. Virginia sta dando un nuovo volto alla città e dopo una fase iniziale in cui la sua amministrazione ha dovuto dare segni di discontinuità con le gestioni del passato e ha dovuto tanto seminare, da un po' di tempo si iniziano a vedere i chiari frutti di questo intenso lavoro e i romani se ne stanno rendendo conto ogni giorno di più".