189 CONDIVISIONI
Ferimento Manuel Bortuzzo
31 Gennaio 2022
14:19

Ferimento di Manuel Bortuzzo, le motivazioni della Cassazione: “Leciti dubbi sulla premeditazione”

La Cassazione nelle motivazioni della sentenza ha accolto il ricorso presentato dai due imputati definendo lecita la critica alla premeditazione sul ferimento di Mauel Bortuzzo.
A cura di Alessia Rabbai
189 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ferimento Manuel Bortuzzo

Sul ferimento di Manuel Bortuzzo la Suprema Corte di Cassazione hanno accolto il ricorso dei due imputati Lorenzo Marinelli e Daniel Bozzano, rispetto all'aggravante della premeditazione. Per i giudici infatti, come espresso nelle motivazioni della sentenza riportate da Adnkronos, è lecita la critica rispetto all'ipotesi avanzata in quanto "sotto il profilo logico-giuridico appare assolutamente problematico individuare, nella situazione descritta, un lasso di tempo apprezzabile nel corso del quale gli imputati potessero essere indotti a una ponderata riflessione sulla decisione appena assunta". Ora i due imputati che torneranno presto in aula nel processo bis disposto il 14 dicembre scorso, sperano che i giudici d'Appello escludano l'aggravante della premeditazione e che possano ottenere un'ulteriore riduzione della pena. In questo frangente il papà di Manuel, Franco, aveva commentato: "Abbiamo fiducia nella giustizia".

Il ferimento di Manuel Bortuzzo

A sedere al tavolo degli imputati sono Lorenzo Marinelli e Daniel Bozzano, ritenuti presunti responsabili del ferimento a colpi di pistola del nuotatore ventenne nel febbraio 2019 nel quartiere Axa, rimasto poi paralizzato alle gambe e che da quel giorno non piuò più camminare. Era la notte tra il 3 e il 4 febbraio del 2019 quando Manuel e la sua ex fidanzata si trovavano in strada nei pressi di un distributore di sigarette vicino Piazza Eschilo. Marinelli e Bazzano dopo la rissa in un pub sono saliti in sella ad uno scooter e hanno sparato in strada per un regolamento di conti, colpendo il ragazzo alla schiena. Entrambi finiti a processo sono stati condannati in primo grado con rito abbreviato a sedici anni per tentato duplice omicidio premeditato e porto, detenzione e ricettazione d'arma da fuoco. In appello la condanna è stata ridotta a quattordici anni e otto mesi. Una riduzione avvenuta quando i giudici di secondo grado hanno fatto cadere l'accusa di tentato omicidio premeditato nei confronti dell'ex fidanzata del nuotatore.

189 CONDIVISIONI
102 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni