1.330 CONDIVISIONI
Elezioni regionali Lazio 2023

Chi è Donatella Bianchi, la conduttrice candidata alle elezioni nel Lazio per il M5S

Donatella Bianchi è una giornalista, conduttrice televisiva e candidata del Movimento 5 Stelle alla Regione Lazio. È stata presidente del WWF e dal 2019 è Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Enrico Tata
1.330 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni regionali Lazio 2023

È la giornalista Donatella Bianchi la candidata del Movimento 5 Stelle alle elezioni regionali del Lazio. La storica conduttrice di Linea Blu, il fortunato programma Rai dedicato al mare, ha accettato la proposta di Giuseppe Conte di sfidare il candidato del centrosinistra, Alessio D'Amato, e quello del centrodestra, Francesco Rocca. Oltre che dal Movimento 5 Stelle sarà sostenuta anche da Sinistra Italiana e da Coordinamento 2050, che hanno dato vita alla lista Polo Progressista.

Una lunga carriera televisiva, dall'incisione giovanissima del famoso jingle Mira Mira l'Olandesina, alla carriera da giornalista e conduttrice televisiva. In televisione si è occupata fin dagli esordi al telegiornale regionale di ambiente. Un impegno che si è vista riconoscere con la presidenza del WWF e la direzione del Parco delle Cinque Terre in Liguria, sua regione d'origine.

"Donatella incarna perfettamente quei valori, quelle sensibilità e quelle competenze che riteniamo condizioni imprescindibili per offrire ai cittadini una proposta credibile e all’altezza delle loro aspettative ed esigenze", così Conte ha presentato la candidata.

Chi è Donatella Bianchi, la giornalista e conduttrice candidata alla Regione Lazio

Bianchi è nata a La Spezia il primo ottobre 1963 e ha sempre mantenuto un legame profondo con la Liguria. Ha 59 anni è mamma di due figli, Federica e Pierluca. Da anni divide la sua vita tra l'attività giornalistica e l'ambientalismo.

Dall'agosto del 2019 è la Presidente del Parco delle Cinque Terre, una nomina proposta dall'allora ministro dell'Ambiente Sergio Costa, e condivisa in maniera bipartisan dal presidente di centrodestra della Regione Liguria Giovanni Toti.

Se diventa nota al grande pubblico per la quasi ventennale conduzione di Linea Blu (l'esordio è del 1994), la carriera televisiva e giornalistica di Donatella Bianchi avviene molto prima. A 15 anni viene "scoperta" dal conduttore Corrado, che la fa debuttare a Domenica In e la vuole affianco nella sua campagna come testimonial di Mira Lanza, con l'incisione del jingle Mira Mira l'Olandesina.

E sempre con Corrado nel 1981 partecipa alla trasmissione Gran Canal. Nel 1985 diventa giornalista professionista e torna in televisione nel 1989: è inviata speciale del programma Sereno Variabile e conduce la rubrica "Viaggi d'Autore". Collabora anche la Telegiornale regionale del Lazio, che conduce fino al 1994. Non mancano poi i progetti radiofonici con Radiouno, come "Senti la montagna" e "Quando i Mondi si incontrano".

Il programma TV Linea Blu e la Presidenza del WWF

Ma al di là dellungo e ricco curriculum non c'è dubbio che Donatella Bianchi ha legato il suo volto e la professione soprattutto alla conduzione di Linea Blu a partire dal 1994 in onda ogni anno il sabato pomeriggio. La trasmissione è dedicata al mare, alle culture legate al Mediterraneo e alla salvaguardia dell'ambiente. Una trasmissione con un pubblico di appassionati e pioniera nella divulgazione di temi ecologisti e scientifici.

Nel 2010 il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano le ha conferito il titolo di Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana. Dopo essere stata testimonial di diverse campagne ecologiste del WWF e di Legambiente, dal 2014 è diventata presidente di WWF Italia assumendo un ruolo di primo piano nel mondo ambientalista italiano.

In questi anni "il WWF Italia e ritornato a crescere non solo in termini di sostenitori ed interlocuzione esterna, ma anche come investimenti nel campo della conservazione sia nazionale che internazionale oltre che come progettualità nel campo dell’educazione ambientale, del supporto alle imprese, della rappresentanza istituzionale".

La scorsa estate, proprio in qualità di presidente del WWF, ha difeso in modo molto duro i concerti del Jova Beach Party, la cui tutela delle spiagge è stata patrocinata proprio dall'associazione, dagli attacchi del mondo ecologista che criticavano i maxi eventi in riva al mare.

Giuseppe Conte: "Donatella Bianchi incarna perfettamente i valori M5S"

Dopo una lunga fase di ricerca e interlocuzione, Giuseppe Conte ha annunciato la candidata del Movimento 5 Stelle alle elezioni regionali di febbraio 2023 nel Lazio. Dopo la notizia data in un'intervista al quotidiano Avvenire, così ha presentato la sua scelta: "Donatella Bianchi è la candidata che il Movimento 5 Stelle, insieme alle altre forze politiche e civiche che hanno accettato di correre con noi, proporrà ai cittadini del Lazio per mettere a terra un ambizioso programma di rilancio ambientale, politico e sociale della regione".

Conte cercava un volto noto – televisivo e indipendente – e con una credibilità sui temi di punta del M5S in particolare l'ambiente e la transizione ecologica: "Per il Lazio la sfida è ampia e piena di nodi, ma non potevamo che partire dalla necessità di una transizione ecologica vera, trasparente, che sia sinonimo di salvaguardia ambientale, lotta all’inquinamento e volano di occupazione". Bianchi aveva partecipata alla Fase 2 della crisi pandemica, presentando il suo "prezioso contributo anche alla task force di esperti che ha lavorato al rilancio del Paese", ha sottolineato ancora Conte.

1.330 CONDIVISIONI
146 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni