Un autobus turistico si è ribaltato sull'isola di Madeira, in Portogallo, provocando almeno ventinove vittime. L’incidente, di cui dà notizia l'agenzia di stampa portoghese Lusa, è avvenuto nel tardo pomeriggio di mercoledì. A quanto ricostruito, l'autobus è uscito di strada ed è finito in una scarpata nella zona di Canico, nel comune di Santa Cruz, a Madeira, precipitando su alcune case. Il primo bilancio diffuso dai media locali era di nove morti, poi ben presto è salito a ventinove. Le vittime – a morire diciotto donne e undici uomini – sarebbero tutte di nazionalità tedesca. Non è escluso che il bilancio possa aumentare anche perché molti sono i feriti in gravi condizioni. “Ci sono dei morti ma il numero di vittime non è certo”, la prima dichiarazione del sindaco Filipe Sousa. Anche i vigili del fuoco, come ha riferito l'agenzia Lusa, hanno confermato la presenza di feriti ma non hanno fornito cifre.

Sul bus turistico viaggiavano oltre cinquanta persone – Secondo le prime informazioni il veicolo, prima di finire fuori strada, si è scontrato con un altro autobus. A bordo, stando alle prime informazioni diffuse, c'erano una cinquantina di persone. Sul posto sono intervenute diverse ambulanze per soccorrere i feriti. Le operazioni di soccorso coinvolgono in totale diciannove mezzi.

Da chiarire le cause dell'incidente – La causa del drammatico incidente al momento non è nota, né le nazionalità di tutti coloro che erano a bordo dell'autobus finito nella scarpata. La prima ipotesi, ancora da confermare, riportata dai media è legata a possibili problemi con i freni del bus. Il gruppo di turisti era a Santa Cruz, nell’unità alberghiera di Quinta Splendida, e si stava trasferendo a Funchal, capoluogo dell’isola. Da poco il bus aveva lasciato l'albergo quando è avvenuto l'incidente.