439 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Dicembre 2021
13:23

Terza dose dopo 4 mesi (non più 5), possibile avvio dal 10 gennaio: circolare ministero della Salute

Arriva la circolare del ministero della Salute che ufficializza quanto deciso ieri in Consiglio dei ministri: l’intervallo di tempo tra l’ultima somministrazione e la dose booster passa da 5 a 4 mesi.
A cura di Annalisa Cangemi
439 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Arriva la circolare del ministero della Salute che mette nero su bianco quanto deciso dalConsiglio dei ministri di ieri: la terza dose può essere effettuata non più dopo 5 mesi dall'ultima somministrazione, ma già dopo 4 mesi dalla seconda inoculazione di vaccino (o prima nel caso del vaccino Johnson&Johnson o nel caso della dose di vaccino prevista per i guariti). La misura si è resa necessaria per cercare di spingere sui richiami, dal momento che il ciclo vaccinale primario non protegge abbastanza dalla mutazione del virus, e già dopo 4 mesi inizia a calare l'immunità che viene garantita dal siero.

Ora è dunque ufficiale: la dose booster si farà a 4 mesi. La circolare del ministero della Salute, infatti, dà il via libera alla riduzione dell'intervallo necessario tra seconda e terza dose. La data di ‘start' vero e proprio sarà decisa dal Commissario Figliuolo. "Sulla base delle esigenze organizzative della campagna vaccinale – si legge nella circolare – indicherà la data di effettiva attuazione del nuovo intervallo temporale previsto". A quanto apprende AdnKronos la data d'inizio della nuova misura potrebbe essere il 10 gennaio.

"Alla luce delle attuali evidenze sull'impatto epidemiologico correlato alla maggiore diffusione della variante B.1.1.529 (Omicron) e sulla efficacia della dose booster nel prevenire forme sintomatiche di Covid-19 sostenute dalla citata variante, al fine di estendere gradualmente l’offerta del richiamo vaccinale e nel rispetto del principio di massima precauzione, si rappresenta che la somministrazione della dose di richiamo (booster) a favore dei soggetti per i quali la stessa è raccomandata, con i vaccini e relativi dosaggi autorizzati, sarà possibile dopo un intervallo minimo di almeno quattro mesi (120 giorni) dal completamento del ciclo primario o dall’ultimo evento (da intendersi come somministrazione dell’unica/ultima dose o diagnosi di avvenuta infezione in caso di soggetti vaccinati prima o dopo un’infezione da SARS-CoV-2, in base alle relative indicazioni)", recita il testo della circolare del ministero della Salute, Aifa e Iss.

Dal 27 dicembre terza dose per fascia 16-17 anni e fragili 12-15 anni

Dal 27 dicembre al via le terze dosi di vaccino per la fascia di età 16-17 anni e per i fragili tra 12 e 15 anni. La conferma arriva da una circolare del ministero della Salute.

Il Commissario Straordinario Francesco Paolo Figliuolo, dopo quanto stabilito dal Cts dell'Aifa e alla luce della circolare del ministero della Salute, "ha aperto la possibilità – a partire dal prossimo 27 dicembre – di effettuare le terze dosi per tutti i giovani delle classi 16 e 17 anni e per i soggetti fragili della fascia 12/15 anni a rischio potenziale di forme gravi di Covid-19. Al momento – si spiega in una nota della struttura commissariale – per queste categorie sarà possibile utilizzare solo il vaccino Pfizer, secondo le tempistiche e modalità già raccomandate".

"Alla luce delle disponibilità di vaccini – si legge ancora – il Commissario sta inoltre organizzando il dispositivo per anticipare a 4 mesi la somministrazione delle terze dosi a favore di tutti coloro per i quali è raccomandata la dose booster, dando priorità alle persone anziane e a quelle fragili. In tal senso, la data di avvio dei richiami verrà comunicata dopo un confronto tecnico con le Regioni/Province autonome".

439 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni