105 CONDIVISIONI
Manovra 2024

Taglio pensioni dei medici, il governo fa marcia indietro: le modifiche alla manovra

Dopo giorni di polemiche e la proclamazione di uno sciopero nazionale, il governo ha detto pubblicamente di voler fare marcia indietro sul taglio alle pensioni dei medici previsto dalla manovra.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Tommaso Coluzzi
105 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Manovra 2024

Alla fine il governo ci ha ripensato. Ora, però, bisogna trovare le risorse per portare a termine la marcia indietro già annunciata. Il taglio alle pensioni dei medici – che in realtà riguarda centinaia di migliaia di dipendenti pubblici, molti dei quali ricevono semplicemente meno attenzioni da parte dell'opinione pubblica – sarà rivisto. Lo hanno annunciato ieri sia il ministro della Salute Schillaci che il collega titolare dei Rapporti con il Parlamento Ciriani. Insomma, la linea dei giorni scorsi viene confermata – da tempo si parla di un maxi-emendamento per rettificare la misura – soprattutto dopo l'annuncio, da parte dei medici, di uno sciopero nazionale di 24 ore il prossimo 5 dicembre. Anche se, come spiegato dalla categoria a Fanpage.it, non basterà rivedere il taglio per far revocare la protesta.

Il governo, a questo punto, ha due strade: la prima è uno stralcio completo della norma – come propone il sottosegretario al Lavoro Durigon -, la seconda è una revisione della misura per alleggerire la stretta. Si parla, in queste ore, di penalizzare solo chi accede alla pensione anticipata e non chi lascia il lavoro con quella di vecchiaia.

Il problema di entrambe le ipotesi è comune: trovare le coperture economiche. Non è un segreto, infatti, che i tagli siano stati introdotti dal governo per provare a fare cassa e investire le risorse ottenute su altri aspetti della stessa questione previdenziale. Ad esempio per il rinnovo di Quota 103, in bilico fino all'ultimo. Secondo le ultime indiscrezioni, l'esecutivo potrebbe intervenire ancora sull'indicizzazione degli assegni di chi è già in pensione. La rivalutazione, secondo quanto previsto dalla manovra, sarà piena solo per i trattamenti fino a quattro volte il minimo. Poi si passa dall'85% a scalare. Ma forse il momento delle forbici non è ancora finito.

105 CONDIVISIONI
239 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views