video suggerito
video suggerito
Pensioni

Stop agli assegni per le pensioni Inps all’estero: cosa cambia da luglio 2024 e per chi

I pensionati Inps all’estero riceveranno più assegni cartacei a partire da luglio 2024, se risiedono in Europa. Il pagamento avverrà in contanti a uno sportello Western Union, a meno che non abbiano inviato le loro informazioni a Citibank entro il 15 giugno. Nel complesso, lo stop agli assegni coinvolgerà circa 300mila pensionati in tutto il mondo.
A cura di Luca Pons
18 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Da luglio 2024 cambierà il sistema di pagamento per le pensioni Inps erogate all'estero. Infatti, se finora era stato possibile ricevere la propria pensione in tre modi – accredito su conto corrente, riscossione in contanti e assegno cartaceo – dal prossimo mese quest'ultimo metodo non sarà più utilizzato. Chi non ha inviato entro il 15 giugno a Citibank le informazioni per il pagamento sul conto corrente dovranno ritirare i contanti presso uno sportello di Western Union (nella maggior parte dei Paesi). È comunque ancora possibile mettersi in contatto con il servizio Citibank per avere più informazioni.

Chi sarà interessato dallo stop agli assegni pensionistici all'estero

Il pagamento della pensione all'estero interessa circa 300mila italiani che vivono in altri Stati in tutto il mondo. Lo stop da luglio riguarderà con certezza chi risiede in Europa, ma è già in corso la sospensione anche nel resto del mondo. Il motivo per cui l'assegno cartaceo non sarà più utilizzato, come l'Inps aveva fatto sapere a fine marzo con un comunicato, è che "la regolarità dei pagamenti eseguiti a mezzo assegno spesso è compromessa da ritardi nella consegna, dovuti essenzialmente a disservizi dei locali servizi postali, oppure da evenienze quali lo smarrimento o il danneggiamento". E d'altra parte l'assegno cartaceo rende anche più facile che i soldi finiscano in mano a chi non ne ha diritto e se ne appropria in modo indebito.

Come ritirare il pagamento della pensione di luglio 2024 in contanti

Già a marzo, l'Inps aveva dato indicazioni operative per abolire il pagamento con assegno in Austria, Belgio, Tunisia e Australia. Poi, nei mesi scorsi, tutti i pensionati italiani che risiedono in Europa hanno ricevuto un modulo da Citibank, che bisognava compilare e restituire – insieme a un documento di identità – entro il 15 giugno 2024 per comunicare i dati del proprio conto corrente e ricevere in questo modo il pagamento.

Se questo non è stato inviato nei termini previsti, il pagamento della rata di luglio 2024 avverrà in contanti, che si potranno ritirare in uno sportello di Western Union (o comunque della banca che corrisponde a Citibank in quel Paese, che in Svizzera ad esempio è PostFinance). Anche per quanto riguarda i nuovi pensionati, che quindi ricevono il primo assegno a luglio, oppure i nuovi trasferimenti all'estero, il pagamento di luglio avverrà in contanti se non sono state fornite le informazioni su un conto corrente estero.

Resta comunque la possibilità di mettersi in contatto con i servizi che gestiscono le pensioni Inps all'estero, per avere più informazioni sulla propria posizione e su come, eventualmente, correggerla. Il servizio di assistenza di Citibank si può contattare tramite l'apposita pagina web, che riporta anche i numeri verdi nazionali per tutti i Paesi interessanti. In alternativa si può inviare una mail all'indirizzo inps.pensionati@citi.com. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 20 italiane. Negli altri orari, si può utilizzare il servizio automatico interattivo.

18 CONDIVISIONI
216 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views