273 CONDIVISIONI
12 Gennaio 2022
16:11

Si avvicina il Quirinale e anche Verdini torna a Roma: pranzo con Cesa in un ristorante del centro

L’ex braccio destro del Cavaliere, in permesso nella capitale dalla detenzione ai domiciliari, nega di partecipare alle trattative sul Quirinale. Ma riguardo alla candidatura di Berlusconi avverte…
A cura di Marco Billeci
273 CONDIVISIONI

Denis Verdini sta scontando una condanna a sei anni e mezzo di reclusione a seguito del crac del Credito Fiorentino. L'ex braccio destro di Silvio Berlusconi sta passando la detenzione ai domiciliari nella sua casa di Firenze, ma il tribunale gli ha concesso il permesso di recarsi periodicamente a Roma per dei controlli medici.

Già ufficiosamente segnalato nelle scorse settimane nella capitale, nella giornata del 12 gennaio, Verdini è stato avvistato seduto al ristornate Pastation (gestito dal figlio), insieme al segretario dell'Udc Lorenzo Cesa, parte delle coalizione di centrodestra. Una presenza che assume un particolare rilievo, perché alla viglia del voto per il Quirinale e nelle strade intorno ai palazzi del potere impazzano le trattative e le voci sul prossimo presidente della Repubblica.

Al termine del pranzo, Verdini rifiuta di parlare con i giornalisti, specificando che le regole non glielo permettono. Chi lo ha sentito in queste ore, però, riporta una convinzione che l'ex senatore avrebbe trasmesso ai suoi interlocutori. Verdini, in tutti i discorsi, premette di non occuparsi del tema e di non avere informazioni di prima mano. Denis però avverte: "Sbaglia chi pensa che Berlusconi stia solo fingendo di fare campagna per sé stesso, per poi sfilarsi e fare fare il regista dell'elezione di un altro". Spiega uno degli uomini che conosce meglio il Cavaliere: "Silvio quando si mette in testa una cosa, va fino in fondo". Ma, al netto della convinzione di Berlusconi di avere i numeri per farsi eleggere, quali sono le sue reali possibilità? A chi glielo chiede, Verdini avrebbe risposto: "Non lo so, è difficile, è difficile…"

273 CONDIVISIONI
Il Popolo Viola torna in piazza contro la candidatura di Berlusconi al Quirinale
Il Popolo Viola torna in piazza contro la candidatura di Berlusconi al Quirinale
Quirinale, cosa sono le schede segnate e perché potrebbero tornare utili a Berlusconi
Quirinale, cosa sono le schede segnate e perché potrebbero tornare utili a Berlusconi
Il totonomi per il Quirinale: chi potrebbe essere il prossimo presidente della Repubblica
Il totonomi per il Quirinale: chi potrebbe essere il prossimo presidente della Repubblica
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni