Covid 19
23 Luglio 2021
19:53

Scuola, cosa succede sull’obbligo vaccinale per i docenti: quando potrebbe essere introdotto

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, assicura che nella prossima settimana il governo si riunirà per valutare la possibilità di introdurre l’obbligo vaccinale per i docenti, consentendo così un rientro a scuola a settembre in presenza. L’invito, intanto, è anche quello di vaccinare quanti più giovani studenti possibile.
A cura di Stefano Rizzuti
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Nel decreto approvato ieri in Consiglio dei ministri non è stato inserito nulla sulla vaccinazione dei docenti per il rientro a scuola a settembre. Ma il tema tornerà sul tavolo di Palazzo Chigi nei prossimi giorni, come conferma anche il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi: “Ne parleremo la settimana prossima – assicura – il presidente è stato molto chiaro”. D’altronde l’obiettivo dichiarato da settimane da Bianchi è quello di tornare a scuola a settembre “in presenza, evitando quindi il ricorso alla didattica a distanza. Le decisioni del governo dovrebbero essere precedute da un confronto dello stesso ministro con le associazioni di categoria, a partire dall’Associazione nazionale presidi, che vedrà Bianchi il 27 luglio.

Il personale scolastico non vaccinato

Come spiega a Fanpage.it Antonello Giannelli, presidente dell’Anp, “si deve decidere che chi non si vaccina non può insegnare fino a quando non sarà vaccinato, la didattica a distanza non è un’opzione”. Sono oltre 220mila i docenti e i rappresentanti del personale scolastico non vaccinati neanche con una dose. E il ministro dell’Istruzione, con una circolare inviata alle scuole, ha ribadito l’importanza di iniziare il nuovo anno assicurando la didattica in presenza e sottolineando come l’obiettivo si possa raggiungere solamente completando la campagna vaccinale sia per il personale scolastico che per gli studenti.

L'obbligo per i docenti e l'invito a vaccinare gli studenti

Il commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, Francesco Paolo Figliuolo, alle Regioni ha chiesto di prendere le misure e capire, entro il 20 agosto, quanti fossero i non vaccinati tra il personale scolastico. Inoltre ha dato priorità agli studenti sopra i 12 anni, con l’obiettivo di raggiungere il 60% dei ragazzi con la vaccinazione entro inizio settembre. Dal sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, arriva invece un altro elemento ritenuto fondamentale nelle prossime decisioni: bisogna considerare che alcune Regioni hanno percentuali molto più alte di personale non vaccinato. E se la categoria non risponderà, vaccinandosi, entro il 20 agosto, allora sarebbe “opportuno valutare l’ipotesi dell’obbligo vaccinale”.

27536 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni