264 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
19 Maggio 2022
11:27

Ucraina, Salvini: “Pace significa salvare posti di lavoro, Draghi chieda a Putin cessate il fuoco”

Salvini interviene in Senato dopo l’informativa urgente del premier Mario Draghi sullo stato della guerra in Ucraina e sulle sue conseguenze in Italia e Ue.
A cura di Giacomo Andreoli
264 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"A quasi tre mesi dall'inizio del conflitto chi parla solo di armi non fa il bene dell'Ucraina e dell'Italia e del mondo intero. Giusto salvare vite umane, ma abbiamo il dovere di fare l'interesse italiano". Matteo Salvini interviene così dopo l'informativa urgente del premier Mario Draghi al Senato sulla guerra in Ucraina.

Secondo il leader della Lega, poi, "far cessare la guerra significa salvare posti di lavoro in Italia. Per madri e padri di famiglia il conflitto significa non far mangiare i loro figli". Salvini, quindi, si rivolge direttamente al premier, dicendo di aver sentito "tante analisi", mentre "la pace va cercata, per questo le faccio delle proposte".

La prima di queste proposte è che sia direttamente Draghi a chiedere a Putin (e non Biden, come auspicato dal premier) un cessate il fuoco di 48 ore e lo sblocco delle navi contenenti i prodotti d'esportazione in Italia ed Europa. "Ci sono decine di Paesi – spiega- che dipendono dal grano e dai cereali africani. Bisogna sbloccare l'invio di grano e far tornare la semina, senza più bombardamenti". Quindi Salvini chiede al premier di spingere affinché sia Odessa l'unica città candidata per ospitare Expo 2030 (al momento lo sono anche Mosca e Roma). "Provi a chiedere a Mosca – dice- di ritirare la sua candidatura e al posto di Roma scegliamo assieme Odessa. Porti avanti parole di pace".

Quindi attacca Di Maio che aveva definito Putin "peggio di un animale" e ringrazia invece il ministro Cingolani "per l'equilibrio". Infine spiega che "finalmente i professionisti del no a termovalortizzatori, carbone e gas hanno capito che senza indipendenza energetica saremo sempre al servizio di qualcun altro: abbiamo bisogno di energia nostra, a basso costo".

264 CONDIVISIONI
2592 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni