1.623 CONDIVISIONI
18 Settembre 2021
16:37

Salvini contro il referendum sulla cannabis: “Il Paese ha altre emergenze, la droga è sempre droga”

Il segretario della Lega, durante un evento elettorale a Milano, commenta a caldo la notizia delle 500mila firme raggiunte per il referendum sulla cannabis: “Ma con tutte le emergenze che ci sono nel Paese devi approvare la legge per coltivarti quattro piantine? – ha attaccato – La droga è sempre droga e la morte è sempre morte e se qualcuno passasse a San Patrignano a parlare con i volontari, con le mamme e i papà, cambierebbe idea”.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.623 CONDIVISIONI

Il tour elettorale di Matteo Salvini in vista delle elezioni amministrative continua. Il leader della Lega oggi è in Lombardia, dove ha già visitato diversi comuni tenendo brevi comizi davanti ai cittadini. Tanti i temi toccati, dall'attualità alla stabilità all'interno del partito, con la questione green pass che sembra aver diviso la Lega su due linee: da un lato l'ala governista di Giorgetti appoggiata dagli amministratori – il trio Fedriga, Fontana e Zaia su tutti – dall'altro l'ala più di lotta, che fa riferimento allo stesso Salvini e ha continuato a protestare contro la certificazione verde. Sul tema, però, il segretario ha chiuso in fretta la porta durante la sua visita al mercato di via Fauchè a Milano in un evento con il candidato sindaco Bernardo: "Profonde divisioni nella Lega? Le vedete solo voi giornalisti".

Durante l'evento elettorale a Milano è arrivata la notizia del raggiungimento delle 500mila firme raccolte per il referendum sulla cannabis e Salvini non ha perso l'occasione per commentarla: "Ma con tutte le emergenze che ci sono nel Paese devi approvare la legge per coltivarti quattro piantine? – ha attaccato – La droga è sempre droga e la morte è sempre morte e se qualcuno passasse a San Patrignano a parlare con i volontari, con le mamme e i papà, cambierebbe idea". La sua opinione, Salvini, l'aveva già espressa la scorsa settimana, sempre durante un evento elettorale a Milano.

Poi Salvini è tornato sulla Lega e sul governo: "Nessuna frizione con Draghi, sarà la storia a dire se questo green pass serviva o no, aspetto e non commento – si è smarcato – Ringrazio i 40 milioni di italiani che volontariamente hanno scelto la vaccinazione, grazie alla Lega non c'è l'obbligo vaccinale e ci sono tamponi gratuiti o sotto costo per milioni di italiani". Il leader della Lega ha tracciato le priorità per il partito: "A livello nazionale non aumentino le tasse, perché per aumentare la tassa sulla casa, per tornare alla legge Fornero, per aumentare le bollette bastava Mario Monti – ha attaccato – ma siccome Draghi non è Monti e la Lega ha scelto di entrare in questo governo per evitare qualsiasi aumento, al governo diremo di no a qualsiasi di queste ipotesi".

1.623 CONDIVISIONI
Cannabis, verso la proroga dei termini per presentare le firme per il referendum
Cannabis, verso la proroga dei termini per presentare le firme per il referendum
Luca Morisi indagato per cessione di droga: aveva lasciato pochi giorni fa guida social di Salvini
Luca Morisi indagato per cessione di droga: aveva lasciato pochi giorni fa guida social di Salvini
222 di Videonews
"Velocità firma online cozza con burocrazia italiana": perché referendum sulla cannabis è a rischio
"Velocità firma online cozza con burocrazia italiana": perché referendum sulla cannabis è a rischio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni