1.795 CONDIVISIONI
27 Gennaio 2021
16:08

Regione Marche contro aborto, consigliere FdI: “Difendiamo natalità o altre etnie ci sostituiranno”

Nelle Marche si torna a parlare di aborto. La Regione lo scorso dicembre si era scagliata contro le linee guida del ministero, che ribadivano come la pillola abortiva Ru486 fosse sicura e sancivano che questa potesse essere somministrata anche in day hospital, e ora vuole impedire che questa venga somministrata nei consultori. “Oggi la battaglia da fare è quella per la natalità, non per il diritto ad abortire. In Italia non si fanno più figli, non vogliamo essere sostituiti da altre etnie”, ha detto il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale.
A cura di Annalisa Girardi
1.795 CONDIVISIONI

Ancora polemiche nelle Marche sulla pillola abortiva: la Regione sembra determinata a impedire la somministrazione della Ru486 nei consultori nonostante le linee guida del ministero della Salute solo l'anno scorso abbiano sancito una volta per tutte non solo la sicurezza dell'aborto farmacologico, ma anche questo che possa essere effettuato in laboratorio senza obbligo di ricovero. "La battaglia per il diritto ad abortire è retroguardia. Oggi la battaglia da fare è quella per la natalità", ha commentato il capogruppo di Fratelli d'Italia, Carlo Ciccioli, durante il Consiglio regionale. Per poi anche aggiungere: "Non possiamo essere sostituiti da altre etnie. Non riesco a condividere il tema della sostituzione: siccome la nostra società non fa figli allora possiamo essere sostituiti dall'arrivo di persone che provengono da altre storie, continenti, etnie. Ritengo invece che un popolo abbia la sua dignità, da manifestare attraverso la sua identità e la sua capacità di riproduzione".

Facciamo un passo indietro. Lo scorso dicembre la giunta regionale, guidata dal governatore di FdI Francesco Acquaroli, ha chiesto di rivedere le linee guida nazionali sull'interruzione volontaria di gravidanza, per cui, come abbiamo detto, la pillola abortiva può essere somministrata anche in day hospital rendendo decisamente meno complicata la procedura per le donne che decidono di non non portare avanti la gravidanza. "No alla pillola abortiva nei consultori. Le linee guida del ministero non sono una fonte di diritto. Noi applichiamo la legge e difendiamo i valori della famiglia", afferma ora anche Jessica Marcozzi, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, riassumendo la posizione della giunta di centrodestra.

Il dibattito sul tema dell'aborto si è nuovamente acceso dopo che una mozione, poi bocciata, presentata dal Partito democratico e Rinasci Marche, a prima firma della consigliera dem Manuela Bora, chiedeva che il diritto all'aborto sia rispettato, visto l'elevato numero di obiettori di coscienza nella Regione. Di fatto la mozione esigeva il rispetto della legge 194, assicurato attraverso una percentuale abbastanza alta di personale medico non obiettore negli ospedali della Regione affinché ad ogni donna fosse garantito il diritto ad abortire. Al momento, secondo quanto riporta il quotidiano online Cronache Maceratesi, la pillola abortiva RU486 viene somministrata solamente in tre strutture a Urbino, San Benedetto e Senigallia: non è quindi affatto semplice, per una donna, ricorrere all'aborto farmacologico, nonostante le linee guida del ministero della Salute non solo dicano che si tratti di una pratica assolutamente sicura, ma ribadiscano anche il diritto di ogni donna ad usufruirne qualora volesse interrompere la gravidanza.

In tutto questo anche l'assessore alla Sanità nella Regione, Filippo Saltamartini (Lega), ha commentato: "Quella all'aborto è più una facoltà, un'opzione che una donna ha all'interno di un problema così complicato. (…) Io aprirei anche ad associazioni private per il diritto alla vita. Perché no? Questa è una visione che noi abbiamo. Le linee guida del ministero non modificano le norme. Se si vogliono modificare devono fare una legge oppure serve che il diritto dei giudici la interpreti in quel modo e fino ad ora questo non è avvenuto". Per poi concludere: "La pillola abortiva non sarà data nei consultori. Perché le linee guida non ci vincolano".

1.795 CONDIVISIONI
Il caso del film sulla Marcia su Roma, per Fdi è
Il caso del film sulla Marcia su Roma, per Fdi è "diseducativo" e non va proiettato a scuola
Sciopero dei benzinai del 25-26 gennaio, le mosse del governo Meloni per evitarlo
Sciopero dei benzinai del 25-26 gennaio, le mosse del governo Meloni per evitarlo
Piantedosi dice che ci sarà più polizia negli ospedali contro le violenze
Piantedosi dice che ci sarà più polizia negli ospedali contro le violenze
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni