31 Maggio 2021
10:19

Quando le altre Regioni diventeranno zona bianca

La zona bianca è l’obiettivo che ogni Regione vorrebbe raggiungere prima possibile: ci sono già riuscite, da oggi, Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Dalla prossima settimana potrebbe toccare ad altre quattro Regioni, mentre sono cinque quelle candidate a passare in zona bianca da lunedì 14 giugno. Per abbandonare la zona gialla, le chiusure e il coprifuoco, bisogna avere l’incidenza settimanale al di sotto dei 50 casi di Covid ogni 100mila abitanti per tre settimane consecutive.
A cura di Tommaso Coluzzi

Si va verso un'Italia sempre più bianca. Settimana dopo settimana lo stivale si schiarirà sempre di più, con le riaperture che continueranno secondo il calendario della zona gialla, mentre ogni Regione spera di passare in zona bianca dal lunedì successivo. Oggi è stato il turno di Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, ma già da lunedì prossimo la lista si allungherà. Per entrare in zona bianca bisogna avere il dato dell'incidenza settimanale al di sotto dei 50 casi di Covid ogni 100mila abitanti per tre settimane consecutive. Ci sono diverse Regioni che sono già a due settimane, mentre altre sono scese sotto la soglia per la prima volta venerdì scorso. Passare in zona bianca vuol dire poter riaprire tutte le attività chiuse – eccetto le discoteche – e abolire il coprifuoco, continuando a rispettare il distanziamento e a indossare la mascherina.

Quali Regioni diventeranno zona bianca dal 7 giugno

Ci sono quattro Regioni che, molto probabilmente, potranno passare in zona bianca a partire da lunedì 7 giugno. Per spostarsi dalla zona gialla alla zona bianca, le Regioni hanno bisogno di restare sotto la soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti per tre settimane consecutive. È decisivo il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità, che ogni venerdì rende pubblici tutti i dati epidemiologici aggiornati sulla pandemia in corso, compresa l'incidenza. Per ora quattro Regioni sono rimaste sotto i 50 casi per due settimane consecutive, se dovessero confermarsi anche nel monitoraggio di venerdì 4 giugno, allora passerebbero in zona bianca da lunedì prossimo. Stiamo parlando di Abruzzo (42 al penultimo monitoraggio, 35 all'ultimo), Liguria (43 e 28), Umbria (42 e 28) e Veneto (45 e 30).

Il 14 giugno metà delle Regioni italiane saranno in zona bianca

I numeri sull'incidenza diffusi dall'Iss sono chiari: il dato sta crollando di settimana in settimana, principalmente grazie all'accelerazione della campagna di vaccinazione. Per questo motivo si presuppone che difficilmente nell'immediato il dato risalirà, ma che piuttosto continuerà a calare drasticamente. Perciò le Regioni che sono scese sotto la soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti nei dati dell'ultimo monitoraggio di venerdì scorso, se dovessero confermarsi – com'è appunto probabile – anche in quelli di venerdì 4 e venerdì 11 giugno, passerebbero in zona bianca a partire da lunedì 14 giugno. In questo caso parliamo di Emilia Romagna (45 all'ultimo monitoraggio), Lazio (46), Lombardia (46), Piemonte (49) e la Provincia autonoma di Trento (45).

Le Regioni a rischio zona gialla dal 13 settembre: perché la Sardegna dovrebbe restare bianca
Le Regioni a rischio zona gialla dal 13 settembre: perché la Sardegna dovrebbe restare bianca
Terapie intensive e ricoveri, la situazione nelle Regioni: chi andrà in zona gialla e quando
Terapie intensive e ricoveri, la situazione nelle Regioni: chi andrà in zona gialla e quando
Quali Regioni rischiano la zona gialla: i dati su incidenza, ricoveri e terapie intensive
Quali Regioni rischiano la zona gialla: i dati su incidenza, ricoveri e terapie intensive
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni