Covid 19
23 Gennaio 2022
12:58

Quali Regioni cambieranno colore da domani, lunedì 24 gennaio

Cambia la mappa colorata delle Regioni: da domani Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo e Sicilia passano in fascia arancione. Sardegna e Puglia diventano gialle.
A cura di Annalisa Cangemi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Dopo la comunicazione del monitoraggio settimanale della cabina di regia sui dati della pandemia da domani la mappa delle Regioni cambierà ancora.

Il ministro della Salute Speranza ha firmato l'ordinanza venerdì: sono quattro le Regioni che diventeranno arancioni da domani, lunedì 24 gennaio: Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo e Sicilia. Ci sono poi due Regioni che passano in fascia gialla: si tratta di Sardegna e Puglia. Le uniche Regioni in bianco sono Basilicata, Molise e Umbria. Le differenze tra la fascia bianca e quella gialla praticamente non esistono più, dopo che le mascherine sono diventate obbligatorie anche all'aperto.

La Valle d'Aosta, che fino alla scorsa settimana era l'unica Regione arancione, rimane almeno per un'altra settimana in questa fascia: nella Regione sono aumentati i ricoveri, anche se le rianimazioni sono stabili. In questo momento, secondo i dati Agenas, i numeri dei reparti ordinari sono da zona rossa, 52% (-1%) mentre le terapie intensive sono appena sopra la soglia della zona gialla, al 21% (+3%).

Come cambiano le regole in zona arancione

Con l'aumento dei contagi Covid, da domani anche la Sicilia passa in zona arancione e cambiano le regole, che riguardano principalmente i non vaccinati, e cioè coloro che non possiedono il Super Green Pass. Mentre chi è in possesso della certificazione verde rafforzata non dovrà osservare particolari restrizioni. In zona arancione sono sempre consentiti gli spostamenti all'interno proprio comune, mentre quelli verso altri comuni della stessa Regione e verso altre Regioni sono permessi a chi non ha il Green Pass solo per motivi di necessità, salute o lavoro, e comunque bisognerà esibire l'autocertificazione. Chi possiede il Green Pass base e quello rafforzato invece può muoversi liberamente sia all'interno dei confini regionali sia al di fuori.

L'unica eccezione è rappresentata dagli spostamenti da comuni di massimo 5mila abitanti verso altri comuni, nel raggio di 30km, esclusi i capoluoghi di provincia: in questo caso lo spostamento è permesso a tutti. Anche per il servizio di scuolabus non ci sono limitazioni. Nei negozi che vendono beni o servizi alla persona, come supermercati, farmacie o parafarmacie, possono fare acquisti tutti i cittadini, a prescindere se abbiano o meno il Green Pass o il Super Green Pass. Anche l'accesso agli uffici pubblici per usufruire dei servizi è sempre consentito.

Senza Super Green pass non è consentito invece l'accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi).

In zona arancione si può mangiare in bar e ristoranti, sia all'aperto sia al chiuso, ma solo se si possiede il Super Green Pass, sia per consumazione al banco che per quella al tavolo.

31007 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni