44 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Perché l’Italia si è astenuta sulla risoluzione approvata dall’Onu che chiede una tregua a Gaza

L’Italia ha deciso di astenersi durante il voto sulla risoluzione Onu, approvata ieri sera, in cui si chiede una tregua umanitaria a Gaza: “Manca la condanna inequivocabile degli attacchi di Hamas a Israele”, ha detto il rappresentante permanente alle Nazioni Unite.
A cura di Tommaso Coluzzi
44 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Non c'è nessuna condanna agli attacchi di Hamas a Israele e l'emendamento che proponeva di inserirla è stato bocciato, perciò l'Italia ha deciso di astenersi sulla risoluzione dell'Onu votata a maggioranza ieri sera per chiedere una tregua umanitaria a Gaza. Nelle ore più difficili nella Striscia, dopo l'avvio della risposta militare dello Stato di Israele, le Nazioni Unite hanno approvato la risoluzione presentata dalla Giordania a nome degli Stati arabi, in cui oltre alla tregua umanitaria viene chiesto l'ingresso degli aiuti e lo stop allo sfollamento forzato. Il testo, che non ha alcun valore vincolante, è passato con 120 sì, 14 no e 45 astenuti.

Tra gli astenuti, c'è anche l'Italia: "Se da un lato si riconoscono gli sforzi delle parti arabe, questi non sono stati abbastanza per votare a favore – ha commentato dopo il voto Maurizio Massari, rappresentante permanente dell'Italia all'Onu – Manca la condanna inequivocabile degli attacchi di Hamas a Israele, manca il riconoscimento del diritto di difendersi di ogni Stato sotto attacco, in questo caso Israele, e non menziona la richiesta del rilascio immediato e incondizionato degli ostaggi del 7 ottobre". Il Canada ha proposto un emendamento, che condannava "inequivocabilmente gli attacchi terroristici di Hamas" e chiedeva il "rilascio immediato e incondizionato" degli ostaggi, ma è stato bocciato.

La risoluzione ha ricevuto il voto contrario di 14 Paesi: Stati Uniti, Israele, Austria, Croazia, Fiji, Cecoslovacchia, Guatemala, Ungheria, Isole Marshall, Micronesia, Nauru, Tonga, Papua Nuova Guinea e Paraguay. Tra i 45 astenuti, invece, oltre all'Italia, ci sono anche Germania, Bulgaria, Finlandia, Grecia, Giappone, Corea del Sud, Ucraina, Regno Unito, Slovacchia, Tunisia. La Francia ha votato a favore.

Nell'ultima versione del testo viene chiesta una "tregua umanitaria immediata, duratura e prolungata che conduca alla cessazione delle ostilità, e che tutte le parti rispettino immediatamente e pienamente i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale, in particolare per quanto riguarda la protezione dei civili". E poi la "fornitura immediata, continua e senza ostacoli di beni e servizi essenziali ai civili in tutta Gaza" e la "revoca dell'ordine da parte di Israele di evacuazione dei palestinesi dal nord della Striscia e respinge fermamente qualsiasi tentativo di trasferimento forzato della popolazione civile palestinese".

44 CONDIVISIONI
723 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views