"No signora, non ho freddo… sto bene. Poi mangio pane e salame e due sardine e sto ancora meglio…". Matteo Salvini durante un comizio Ravenna, in vista delle elezioni regionali in Emilia-Romagna, si è rivolto scherzosamente a una sostenitrice sotto il palco, che gli ha chiesto se aveva freddo.

Ad un certo punto dal pubblico gli hanno ricordato che si solito lui mangia la Nutella, e il leader della Lega ha spiazzato tutti con queste parole: "La Nutella? Ma lo sa signora che ho cambiato? Perché ho scoperto che per la Nutella usa nocciole turche, e io preferisco aiutare le aziende che usano prodotti italiani, preferisco mangiare italiano, aiutare gli agricoltori italiani", ha spiegato. In passato Salvini si è fatto fotografare spesso sui suoi profili social mentre faceva spuntini a base di pane e Nutella. Nessuno si sarebbe immaginato che il nazionalismo salviniano, nella pretesa di difendere il Made in Italy, avrebbe cercato di boicottare anche un prodotto commerciale così popolare come la famosa crema al cioccolato. È senza dubbio strano, se consideriamo che più o meno un anno, lo scorso 26 dicembre, il segretario del Carroccio pubblicava questo post: "Il mio Santo Stefano comincia con pane e Nutella, il vostro???", e il commento era accompagnato da una foto in cui addentava una fetta di pane e Nutella.

Ma ha ragione Salvini a dire che il prodotto contiene nocciole turche? Secondo quanto è emerso da una inchiesta della Bbc, citata dal Corriere della Sera, "all'incirca i tre quarti delle nocciole mondiali arrivano dalla Turchia, e il più grande acquirente al mondo è Ferrero". Ma la Bbc non si è concentrata sulla provenienza delle nocciole, ma sulla manodopera utilizzata per la raccolta: "A farlo sono soprattutto migranti, anche bambini, che lavorano molte ore per una paga misera". Il lavoratori, secondo quanto rivelato dall'emittente britannica, vengono pagati 15 euro al giorno.

Ferrero ha risposto così ai quesiti sollevati dalla Bbc: "Se siamo certi che un prodotto è frutto di pratiche non etiche, non lo tocchiamo", ha affermato Bamsi Akin, general manager di Ferrero Hazelnut Company in Turchia. "Stiamo cercando di fare il massimo sforzo per migliorare le pratiche con lo sviluppo di programmi di educazione e formazione. Ma il sistema è completamente pulito? Penso che nessuno potrebbe dirlo, ora".

La reazione di Matteo Renzi

Il senatore e leader di Italia viva Matteo Renzi ha risposto a Salvini con un post sul suo profilo Facebook: "Nei giorni di Ilva Alitalia, legge di bilancio, summit Nato il senatore Matteo Salvini attacca la Nutella. La Nutella, sì, la Nutella. Dice che così sembra più vicino al popolo. E io ingenuo che insisto a voler parlare di cantieri, tasse, Europa".