La Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha annunciato di aver chiesto al Governo di rendere pubblici i documenti dei servizi segreti relativi all’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, uccisi il 20 marzo del 1994 a Mogadiscio in Somalia. Boldrini ha fatto proprio l’appello promosso da Articolo 21 e ha annunciato di aver scritto al presidente del Consiglio, al Procuratore nazionale antimafia e ad altre autorità competenti per capire “se permangono le esigenze di segretezza sugli atti dei servizi segreti”. La presidente della Camera ha ricordato inoltre che gli atti trasmessi dai servizi sono arrivati alle Commissioni parlamentari già sottoposti al vincolo di segretezza e quindi non può essere l'Ufficio di presidenza della Camera a decidere autonomamente di togliere il segreto. A venti anni dalla morte della giornalista e del suo operatore, infatti, sono ancora tanti i misteri su quel duplice omicidio e la stessa madre di Ilaria Alpi ha chiesto più volte di rimuovere i silenzi e i segreti che ruotano attorno alla morte della figlia.

Boldrini e Mogherini incontrano Luciana Alpi – Boldrini oggi, a Montecitorio, ha anche incontrato insieme con il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, Luciana Alpi, la madre di Ilaria. Una nota della Farnesina ha precisato che il ministro Mogherini ha rinnovato l'impegno suo personale e del governo per l'accertamento della verità sulle circostanze dell'uccisione della giornalista e del cameraman Miran Hrovatin.