191 CONDIVISIONI
12 Novembre 2022
09:55

Nicita: “Dai porti chiusi di Salvini a quelli socchiusi di Meloni, governo ritiri decreto disumano”

“Provate a dire a una persona che è arrivata fino a qui che quella accanto può sbarcare, ma lei no. Questa qui è una forma di tortura mentale che genera fragilità. Ed è qualcosa che è stato indotto, con una norma che non solo viola tutto il diritto internazionale di riferimento, ma è anche inutile e ingiusta e inumana”: il senatore del Pd Antonio Nicita racconta a Fanpage.it i giorni a Catania, a bordo della Humanity 1 e della Geo Barents, dove il governo ha trattenuto centinaia di migranti, impedendo loro di scendere immediatamente a terra.
A cura di Annalisa Girardi
191 CONDIVISIONI

Antonio Nicita, senatore del Partito democratico, nei giorni scorsi è stato a Catania, dove bloccate al molo c'erano la nave Humanity1 e la GeoBarents, che avevano soccorso centinaia di persone nel Mediterraneo. Alcune sono state fatte sbarcare, altre sono state lasciate a bordo finché una seconda ispezione medica ha dichiarato che tutti i naufraghi fossero persone fragili e che quindi avessero bisogno di scendere a terra immediatamente. Per Nicita, a Catania insieme ad altri parlamentari del centrosinistra come Aboubakar Soumahoro e Angelo Bonelli, il decreto del governo è semplicemente "disumano", oltre che una violazione delle norme internazionali sul diritto del mare. In un'intervista con Fanpage.it ha raccontato quelle ore a bordo.

"Anche volendosi addentrare in questa logica della fragilità e della vulnerabilità", per cui alcuni migranti vengono fatti sbarcare mentre altri vengono lasciati a bordo, "dire a qualcuno che è arrivato fino a lì che non può scendere, è un evento che fa esplodere qualunque tipo di fragilità. La prossima volta la maggioranza venga con noi a bordo e provi a dire a queste persone che ti guardano, per ore, il motivo per il quale loro non possono scendere", ha detto Nicita.

Quello che hanno passato le persone a cui non è stato permesso di sbarcare subito, ha detto ancora il senatore, è una forma di tortura. "La novità di questa situazione è questa fragilità indotta. Per cui una persona vede quella al suo fianco, con cui è stata insieme per giorni e giorni nella stessa situazione, scendere per qualche mentre quella stessa persona è costretta a restare a bordo. Questa qui è una forma di tortura mentale che genera fragilità. È il tipico caso in cui una persona può pensare a autolesionismo o suicidio. Questo è qualcosa che abbiamo indotto, con una norma che non solo viola tutto il diritto internazionale di riferimento, ma è anche inutile e ingiusta e inumana", ha spiegato Nicita.

Per cui ogni distinzione tra naufraghi, migranti, persone soccorse in mare o trasbordate: "Sono tutti dei sopravvissuti, qualcuno che ha attraversato la vita e la morte, e poi è ritornata. Quando questo accade sono semplicemente persone a cui noi dobbiamo provare a restituire la dignità umana, non a sottrargliela".

Nicita ha raccontato quelle ore a bordo: la disperazione di coloro che erano rimasti, i minori che non erano stati individuati ed erano ancora a bordo, i casi di scabbia, le cicatrici sui corpi. Il decreto voluto dal ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, ha sottolineato, ha creato in loro un'ulteriore trauma, come se non bastasse quello del viaggio che hanno intrapreso, attraverso una delle rotte più pericolose al mondo e spesso passando per l'inferno libico.

"Oggi abbiamo una grande crisi internazionale" con la Francia, "che non fa bene all'Italia. Abbiamo un modello per cui c'è da vergognarsi dal punto di vista di accoglienza e soccorso. E un approccio che non aiuta a risolvere il vero punto, perché è vero che abbiamo un problema di solidarietà europea. È vero che dobbiamo facilitare alla partenza i meccanismi di accoglienza e creare investimenti in Africa. Ma tutto questo non si fa con un braccio di ferro sulla pelle delle persone".

191 CONDIVISIONI
Accisa mobile nel decreto Carburanti, ecco quando il governo Meloni taglierà le tasse sulla benzina
Accisa mobile nel decreto Carburanti, ecco quando il governo Meloni taglierà le tasse sulla benzina
Sciopero dei benzinai del 25-26 gennaio, le mosse del governo Meloni per evitarlo
Sciopero dei benzinai del 25-26 gennaio, le mosse del governo Meloni per evitarlo
Il governo Meloni dice che l'acqua fa male come il vino se bevuta in grandi quantità
Il governo Meloni dice che l'acqua fa male come il vino se bevuta in grandi quantità
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni