596 CONDIVISIONI
Opinioni
Elezioni politiche del 2022 in Italia
4 Agosto 2022
07:47

Nell’agenda Draghi c’è anche la crudeltà gratuita verso i migranti?

Mentre litigano per un posto in Parlamento e urlano contro il pericolo delle destre al governo, i leader del centrosinistra non trovano mezza parola per i 695 migranti che da una settimana sono al largo delle coste italiane sulla nave Geobarents. Sarebbe questa, l’alternativa?
596 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 2022 in Italia

Perdonate la domanda nel titolo, ma da queste parti non sappiamo nemmeno cosa sia l’agenda Draghi, e ci tocca rivolgerci speranzosi agli esegeti del pensiero di Super Mario, che nel frattempo è talmente interessato alle vicende politiche italiane e a chi lo evoca quotidianamente manco fosse la madonna, da non aver detto mezza parola in pubblico da questo si è dimesso.

Dicevamo, l’agenda Draghi, quella per cui la sinistra – o se preferite la “non destra”, come la chiamava profetico Corrado Guzzanti nel 1996 – si sta dilaniando, prevede anche che 695 persone tra cui quasi 200 minori e due donne incinte, siano tenute al largo delle coste italiane, nel caldo insopportabile di questa torrida estate, in attesa di non si sa bene cosa?

Perché è questo che sta accadendo alla nave Geobarents e ai suoi passeggeri, ripescati in mare mentre cercavano di raggiungere le coste italiane e a cui giusto stamattina è stato assegnato un porto, quello di Taranto, dopo più di una settimana, mentre a Roma si discute di posti in Parlamento, di diritti di tribuna e si blatera della necessità di battere le destre populiste e pericolosissime, che nel frattempo veleggiano verso una schiacciante vittoria elettorale, sgranocchiando popcorn e godendosi lo spettacolo di chi nel campo avverso  ne agita lo spauracchio, salvo poi cannoneggiare quotidianamente i suoi alleati, o potenziali tali.

Misteri della politica, a cui ne aggiungiamo uno: perché affannarsi tanto a combattere la destra, se poi si lascia che chi sta al governo si comporti come forse nemmeno il peggior Salvini si è mai comportato, senza fare un plissé, senza dire nemmeno mezza parola? Quel che è vietato per i Matteo è concesso a chi si chiama Mario, forse? O forse, peggio, è meglio non prendere le difese dei migranti in campagna elettorale, sia mai che diventino temi in agenda al posto dei termovalorizzatori di Roma?

Perché a sto punto, questo editoriale sarà una specie di nodo sul fazzoletto, a futura memoria, per il giorno in cui scenderete in piazza, cari Letta, Calenda, Conte e compagnia cantante, a gridare contro il Truce Matteo – o chi sarà al posto suo al Viminale – che chiude i porti, e ci fa vergognare di fronte all’Europa. Ecco: non lamentatevi se quel giorno qualcuno vi rinfaccerà la vostra ipocrisia. Non lo faremo perché ci è simpatico Salvini. Lo faremo per quei 695 che avete lasciato a marcire in un mare di silenzio, in una torrida settimana d’estate.

596 CONDIVISIONI
Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)
177 contenuti su questa storia
Liliana Segre:
Liliana Segre: "A Meloni dico di togliere la fiamma dal logo di FdI, passi dalle parole ai fatti"
Nasce il Terzo Polo, Azione e Italia Viva insieme al voto. Renzi:
Nasce il Terzo Polo, Azione e Italia Viva insieme al voto. Renzi: "Calenda guiderà campagna elettorale"
Ilaria Cucchi a Fanpage:
Ilaria Cucchi a Fanpage: "Mi candido nel Centrosinistra per dare un senso ai 13 anni di sacrifici per Stefano"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni