Arriva un nuovo avviso di garanzia per l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, in relazione al rilascio di documenti d’identità a migranti ospitati nei centri di accoglienza. La notizia viene riferita dall’Adnkronos, che ne ha chiesto conferma allo stesso ex primo cittadino del centro calabrese. Lucano si dice “amareggiato” e fa sapere di aver ricevuto l’avviso di garanzia negli scorsi giorni. Lucano spiega: “Mi sembra tutto così assurdo, mi viene contestato un reato che avrei commesso nel settembre 2016 per aver fatto due carte di identità a una donna eritrea e a suo figlio di pochi mesi, che erano inseriti in un progetto di accoglienza al Cas a Riace”.

L’ex sindaco di Riace cerca di riferire quanto avvenne in quel caso e di spiegare la vicenda che ora lo vedo coinvolto in questa indagine: “La prefettura ci aveva chiesto l'inserimento per la madre e il bambino e noi avevamo detto di sì perché c'era la disponibilità”. Successivamente, ricorda ancora Lucano, “fu fatta l'iscrizione al registro anagrafico e poi fu richiesta la carta d'identità perché il bambino aveva necessità di vedersi assegnato un pediatra”. Ma proprio sul rilascio della carta d’identità arriva la contestazione dei giudici, secondo cui la donna e il bambino non avevano il permesso di soggiorno e per questo non potevano ricevere il documento.

Lucano spiega ancora che ciò che gli viene contestato è proprio il fatto che la carta sia stata rilasciata nonostante i due “non avessero il permesso di soggiorno”. Tuttavia l’ex sindaco di Riace rivendica la sua scelta di allora: “Io lo rifarei”. E a sua difesa cita quanto previsto dalla Carta: “La Costituzione prevede il diritto alla salute, il diritto alla salute è inviolabile e fondamentale. La carta d'identità era legata ad esigenze sanitarie e per me è prioritario rispettare la dignità umana di un bambino di pochi mesi”.