145 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Meloni a Kiev firma patto decennale di sicurezza con l’Ucraina: si attiverà in caso di futuri attacchi

Giorgia Meloni ha firmato un accordo sulla garanzia per la sicurezza dell’Ucraina che impegna l’Italia, per i prossimi dieci anni, alla collaborazione immediata e rafforzata in caso di futuri attacchi nei confronti di Kiev. L’annuncio è arrivato durante la visita della presidente del Consiglio in Ucraina per la riunione del G7.
A cura di Luca Pons
145 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Abbiamo firmato l'accordo sulla garanzia per la sicurezza dell'Ucraina". Lo ha annunciato la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, a due anni dall'invasione della Russia, durante le dichiarazioni congiunte dopo un incontro bilaterale con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.  Si tratta del "più completo e importante impegno che Italia abbia preso con un Paese non membro della Nato". Meloni si trova a Kiev perché qui si terrà il vertice del G7, il primo sotto la presidenza italiana. Ci saranno tutti i leader, con l'eccezione del francese Macron.

La cooperazione sarà sul piano industriale, economico, umanitario, e naturalmente anche militare: "Con la firma di oggi riaffermiamo che l'Italia continuerà ad assicurare il necessario sostegno alla libertà e all'indipendenza di una nazione aggredita". L'accordo, infatti, prevede la "collaborazione immediata e rafforzata nel caso di un futuro attacco nei confronti dell'Ucraina".

Meloni ha promosso il ruolo che l'Italia avrà "anche in materia di ricostruzione: lo faremo quest'anno, durante la presidenza del G7, e lo faremo nel 2025 quando ospiteremo la Ukraine recovery conference. Perché parlare di ricostruzione significa scommettere sulla vittoria dell'Ucraina, un futuro di pace e un futuro europeo. Le imprese italiane sono pronte a fare la loro parte".

Gli accordi di sicurezza, ha spiegato Meloni, sono "la migliore precondizione possibile per qualsiasi pace giusta e duratura. Anche in passato sono stati firmati accordi, ma poi sono stati violati. Se non c'è chi garantisce che quelli accordi vengano mantenuti, è inutile lavorare a una pace giusta". Anche il Canada, tra gli altri, ha firmato un accordo bilaterale con Kiev oggi.

La presidente del Consiglio ha insistito: "Continuiamo a sostenere l'Ucraina in quello che io ho sempre ritenuto il giusto diritto del suo popolo a difendersi. Questo presuppone necessariamente anche il sostegno militare, perché confondere la tanto sbandierata parola pace con la resa come fanno alcuni strumentalmente è un approccio ipocrita che noi non condivideremo mai. Il messaggio a Zelensky e a tutto il popolo ucraino è che non sono soli". L'Ucraina sta combattendo "con tutta l'Europa, per tutta l'Europa, e vi saremo accanto per tutto il tempo necessario", ha aggiunto Meloni.

"Sono grato che la sicurezza dell'Ucraina continuerà a essere una priorità delle più grandi democrazie del G7", ha commentato invece il presidente Zelensky: "Dobbiamo fare di tutto affinché il 2024 diventi l'anno decisivo per ripristinare la sicurezza a lungo termine per l'Ucraina e per il mondo intero, perché l'invasione russa ha portato a cascata conseguenze nefaste e dobbiamo ripristinare questa stabilità insieme".

Nel corso dell'incontro con Zelensky, Meloni ha anche donato al premier ucraino la medaglia coniata dal Poligrafico e Zecca dello Stato per ricordare "Due anni di resistenza Ucraina”. Medaglie commemorative della stessa serie di quella consegnata a Zelensky sono in vendita al pubblico, attraverso la rete di Poste Italiane, per finanziare il  centro di riabilitazione ‘Unbroken Kids' dell'ospedale pediatrico St.Nicholas di Leopoli.

Immagine
145 CONDIVISIONI
4217 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views