3.073 CONDIVISIONI
Covid 19
2 Maggio 2022
08:02

Mascherine e green pass, dove servono ancora e cosa è cambiato dal primo maggio

Dal primo maggio sono scattate le nuove regole Covid: è praticamente un addio al green pass, mentre le mascherine al chiuso sono ancora obbligatorie in alcuni luoghi.
A cura di Tommaso Coluzzi
3.073 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Addio mascherine, addio green pass. Dal primo maggio l'Italia ha fatto il passo più importante da un anno a questa parte nell'allentamento delle restrizioni dovute alla pandemia di Covid. La certificazione verde non serve quasi più da nessuna parte e l'obbligo di indossare la mascherina al chiuso è stato notevolmente ridimensionato. Insomma, qualche regola ancora c'è, ma è il primo vero e proprio tentativo di ritorno alla normalità in convivenza forzata con il virus. Giusto o sbagliato che sia, infatti, il governo – allineato con quanto fatto dagli altri Paesi – ha deciso di rimuovere praticamente ogni restrizione nonostante il numero dei casi sia ancora altissimo. Certo, sappiamo bene che – soprattutto grazie ai vaccini – è molto meno probabile che chi si ammala finisca in terapia intensiva o che muoia, ma molti esperti continuano a nutrire dubbi sulla decisione di eliminare tutte le regole.

Dove serve ancora il green pass dal primo maggio

Dal primo maggio – dicevamo – l'obbligo di green pass e mascherine è stato notevolmente ridimensionato: la certificazione verde non verrà richiesta praticamente più, l'unico caso in cui sarà ancora obbligatorio esibirla riguarda gli ospedali e le residenze sanitarie assistenziali, per far visita a parenti e amici ricoverati. Si tratta di una accortezza per tutelare i luoghi più a rischio, dopo che altre fasi della pandemia di Covid hanno mostrato quanto siano in pericolo. Questo obbligo, per ora, è stato rinnovato fino al 31 dicembre. Con esso resta in vigore anche l'obbligo vaccinale per medici, infermieri e personale sanitario, sempre fino a fine anno. A differenza di tutti gli altri over 50, per cui la regola sarà in vigore fino al 15 giugno, ma il rischio è ridotto alla semplice multa da 100 euro.

Fino a quando sarà obbligatoria la mascherina al chiuso

La mascherina al chiuso, invece, va ancora indossata in diversi luoghi e attività. Con l'ordinanza ponte del ministro Speranza e l'emendamento del governo al decreto Covid, è stato prorogato l'obbligo fino al 15 giugno per:

  • mezzi di trasporto pubblico locale, come autobus, metro e tram
  • mezzi di trasporto a lunga percorrenza, come treni, aerei e navi
  • cinema, teatri e sale da concerto al chiuso
  • palazzetti dello sport al chiuso
  • ospedali e rsa
  • scuola

In tutti questi luoghi bisognerà indossare ancora la mascherina fino a metà giugno e sarà necessaria la Ffp2 (strutture sanitarie e scuole escluse). Tutte le altre attività, sia quelle all'aperto che quelle al chiuso non menzionate – come bar, ristoranti, negozi, supermercati, stadi, discoteche… – saranno libere dall'obbligo di indossare la mascherina. Sul lavoro tutto dipenderà dai protocolli aziendali, ma in generale – come dimostra la circolare del ministro Brunetta per la Pubblica amministrazione – si tratta di una raccomandazione e non di un obbligo.

3.073 CONDIVISIONI
31831 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni