719 CONDIVISIONI
Tragedia sulla Marmolada, crolla ghiacciaio
4 Luglio 2022
16:20

Marmolada, Zaia: “Si è staccato blocco di ghiaccio grande come due campi da calcio, è una tragedia”

“Si è staccato un blocco di detriti e ghiaccio lungo 200 metri, largo 60 e spesso 30 metri. Un paio di campi da calcio spessi 30 metri. Spero che i numeri si fermino qui, ma so che è una speranza difficile da confermare”: così il governatore del Veneto Luca Zaia sulla Marmolada.
A cura di Annalisa Girardi
719 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Tragedia sulla Marmolada, crolla ghiacciaio

Sulla Marmolada in queste ore c'è anche il governatore del Veneto Luca Zaia. Dopo aver accolto Mario Draghi a Canazei, i due hanno parlato con i familiari delle vittime, mentre proseguono le ricerche dei dispersi. "Non è un teatro facile quello di questa tragedia. Ricordo solo a tutti voi che si è staccato un blocco di detriti e ghiaccio lungo 200 metri, largo 60 e spesso 30 metri. Un paio di campi da calcio spessi 30 metri", ha detto Zaia, intervenuto a fianco del presidente del Consiglio in conferenza stampa.

"Siamo reduci dall'incontro con i familiari, che è stato un momento toccante. Sono coloro che aspettano le notizie da chi non è tornato a casa", ha spiegato il governatore veneto. Per poi sottolineare come le ricerche proseguano nonostante le difficili condizioni meteo: le alte temperature mantengono infatti elevato il rischio di ulteriori crolli e in giornata c'è stato anche un temporale. Ma i volontari che stanno prestando soccorso non si fermano: "Le ricerche le dobbiamo ai familiari, a chi è ancora lassù. Continuano e le porteremo avanti all'estremo, gli addetti alle ricerche sono già in quota dopo il temporale. Dico che il Veneto sta pagando una situazione pesante: abbiamo tre vittime identificate, sette dispersi o reclamati, persone delle quali non abbiamo notizie", ha proseguito Zaia. In totale i dispersi sono 14, di cui appunto sette cittadini veneti.

Per quanto riguarda i feriti, l'ex ministro dell'Agricoltura ha fatto sapere che tre sono ricoverati negli ospedali veneti. Una persona, però, non è stata ancora identificata: "Io ne ho viste di tragedie, ma questa è una situazione che non avrei mai pensato di dover affrontare. Abbiamo partecipato alle ricerche, abbiamo mandato uomini ed elicotteri. Stiamo contribuendo alle cure, abbiamo tre ricoverati in Veneto. Un signore e una signora tedeschi, rispettivamente a Belluno e a Feltre (in terapia intensiva) e poi una persona non ancora identificata su Treviso, verosimilmente una persona sui 40 anni in condizioni gravi".

Infine Zaia ha concluso: "Spero che i numeri si fermino qui. So che è una speranza difficile da confermare, ma io spero vivamente che i numeri si fermino qui. Ringraziamo ancora tutti i volontari che stanno lavorando in queste ore in uno scenario altamente pericoloso".

719 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni