Opinioni
4 Giugno 2012
18:48

Licenziamoli tutti

Quando il buonsenso resta solo una vaga intenzione entra in gioco il ministro Fornero. Della serie: come far di tutto per aumentare la conflittualità sociale senza alcun motivo…

Ci risiamo. L'inflessibile Elsa proprio non riesce a tenere basso il livello dello scontro e continua a gettare benzina sul fuoco. Questa volta però non si tratta di provvedimenti, proposte o di ipotesi di lavoro. No, questa volta si tratta di un "auspicio". L'auspicio di uguaglianza fra pubblico e privato. Sul tema della qualità dei servizi? Nel campo delle tutele ai lavoratori? Nell'ambito del superamento delle disparità fra uomo e donna? No, non scherziamo. Uguali ma nella possibilità di licenziare. Licenziare, mandare a casa i dipendenti pubblici, un auspicio soltanto, per carità. Ma si badi bene, non solo i fannulloni. Per loro esiste già una normativa (e per favore risparmiateci ogni considerazione qualunquista e giustizialista…), che è giusto far rispettare in maniera rigorosa. Quello che invece "auspica" Fornero è un'equiparazione sostanziale con il settore privato, per i licenziamenti economici magari. E pazienza se la stessa Fornero sa che si tratta di "mondi" diversi e del tutto non paragonabili. E pazienza se la stessa Fornero non spiega in che modo intenda farlo. Lei è anche ministro delle Pari Opportunità e può auspicare quando e come vuole. In fondo, che sarà mai qualche disoccupato in più?

A Fanpage.it fin dagli inizi, sono vicedirettore e caporedattore area politica nella redazione romana. Racconto storie, discuto di cose noiose e scrivo di politica e comunicazione. Senza pregiudizi.
Elezioni in Francia, Draghi: "Splendida notizia la vittoria di Macron". Salvini: "Avanti con Le Pen"
Elezioni in Francia, Draghi: "Splendida notizia la vittoria di Macron". Salvini: "Avanti con Le Pen"
Il ministro Guerini spiega perché stiamo tenendo segrete le armi che l'Italia invia all'Ucraina
Il ministro Guerini spiega perché stiamo tenendo segrete le armi che l'Italia invia all'Ucraina
Gabrielli a Fanpage.it: "La Russia fa propaganda, ma l'Italia non è l'anello debole d'Europa"
Gabrielli a Fanpage.it: "La Russia fa propaganda, ma l'Italia non è l'anello debole d'Europa"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni