668 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Giugno 2022
13:55

Le mascherine a scuola saranno abolite solo quando il vicino sarà “sicuro”, dice il ministro Bianchi

Il ministro dell’Istruzione, in visita in una scuola a Bergamo, ha spiegato che “la mascherina è un atto di rispetto reciproco” e che “si toglierà quando riterremo che il nostro vicino sia sicuro”.
A cura di Tommaso Coluzzi
668 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il dibattito sulle mascherine a scuola è più aperto che mai. Se l'obbligo di indossarle rimarrà in vigore fino a fine anno, esami di Stato compresi, c'è ancora grande incertezza su ciò che accadrà a settembre. Il governo prende tempo, come – per certi versi – è normale che sia visto che nei mesi estivi lo scenario della pandemia di Covid potrebbe cambiare ancora. L'intenzione è arrivare a settembre e vedere quale sarà la situazione, anche se ovviamente l'obiettivo – come spiegato a più riprese dal presidente Draghi – è tornare alla normalità. Il che significa, in due parole, addio mascherine.

Il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, è tornato sul tema questa mattina, durante una visita all'Istituto ‘Giulio Natta' di Bergamo in occasione della chiusura dell'anno scolastico: "L'Italia è strana, siamo sempre pronti a criticarci con ferocia anche se abbiamo affrontato come nessun altro il problema del contagio basandoci sulla reciproca responsabilità – ha detto il titolare di viale Trastevere – E la mascherina è un atto di rispetto reciproco, si toglierà quando riterremo che il nostro vicino sia sicuro". Per questo bisogna ci ha tenuto a spiegare agli studenti che non devono vedere la mascherina come "un'imposizione" o qualcosa di simile, ma sostanzialmente come uno strumento di sicurezza nei confronti di chi ci è accanto.

Bianchi ci ha tenuto a sottolineare questo concetto: la sicurezza reciproca dal punto di vista sanitario. "La democrazia c'è solo quando il mio vicino ha lo stesso mio diritto", ha insistito ancora. Per quanto riguarda il ritorno in classe a settembre, invece, il ministro dell'Istruzione ha assicurato che il governo – e nello specifico il suo dicastero – sta "già pensando al nuovo anno". E su questo il ministro Bianchi è sicuro: "Non sarà facile ma lo affronteremo insieme come abbiamo sempre fatto".

668 CONDIVISIONI
31624 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni