I casi di corruzione, favoritismi e nomine che stanno sconvolgendo la magistratura italiana hanno influenzato negativamente l'opinione dei cittadini sugli organi della giustizia. Le vicende che hanno investito il Consiglio Superiore della Magistratura (Csm), e in particolare la figura di Luca Palamara, hanno scalfito la fiducia degli italiani, portandola ai minimi storici. In realtà, questa tendenza è ormai avviata da anni, ma lo scandalo in corso ha intensificato il picco verso il basso. In passato, come in generale avveniva per le istituzioni di garanzia, anche i giudici beneficiavano di un'importante livello di fiducia popolare, specialmente durante gli Anni di piombo o Tangentopoli, periodi in cui la loro lotta contro la criminalità organizzata o la politica corrotta circondava i magistrati di stima e rispetto.  Negli anni di Silvio Berlusconi al potere, in cui l'ex presidente del Consiglio finì al centro di diverse inchieste giudiziari, la percezione cittadina della magistratura cambiò: se da un lato si radicalizzò il sentimento di esaltazione dell'attività giudiziaria, dall'altro si cominciò anche a denunciare gli intrecci fra queste e quella politica.

Ad oggi, a quanto riporta un sondaggio condotto da Ipsos per il Corriere della Sera, solamente un italiano su tre dichiara di aver fiducia nella magistratura: in termini percentuali ciò significa un 35%, mentre ad affermare il contrario è circa il 55%. Rispetto all'apice positivo del 2011, quando nel pieno della crisi economica e politica i cittadini si affidavano alle istituzioni di garanzia, si sono registrati 30 punti in meno nell'indice di fiducia. La credibilità dei giudici appare quindi fortemente compromessa. Ciò vale indipendentemente dall'elettorato: in generale la fiducia nei giudici è molto bassa sia tra chi vota Lega (solo il 26% ha stima per l'istituzione), sia tra chi invece da la propria preferenza al Movimento Cinque Stelle (il 33% si dice fiducioso nei giudici): tra gli elettori del Partito democratico questa propensione tende invece a essere invertita, con il 61% dei votanti dem che afferma di riporre fiducia negli organi della Giustizia.

"Si profila il rischio assai serio di un danno reputazionale che investe l’intera magistratura compromettendo la sua credibilità”, ha precisato l'autore del sondaggio Nando Pagnoncelli. "Resta il dubbio che in futuro una qualsiasi inchiesta o sentenza che coinvolga uno o più politici possa essere screditata e considerata dall’opinione pubblica come una indebita competizione, finalizzata unicamente alla gestione del potere", ha aggiunto, sottolineando che "sarebbe un colpo ferale allo stato di diritto".