230 CONDIVISIONI

Il 20% dei giovani italiani non studia e non cerca lavoro: nessun paese europeo è messo peggio

Disoccupazione in calo in Italia (quasi tre punti in meno rispetto al 2015). Ma la percentuale di Neet (19,9%) è la più alta d’Europa (11,5%).
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Annalisa Cangemi
230 CONDIVISIONI
Immagine

Non cercano lavoro ma non sono nemmeno inseriti in un percorso di studi: sono i Neet, cioè (Not Engaged in Education, Employment or Training), che in Italia, secondo l'indagine 2017 sull'occupazione e sugli sviluppi sociali in Europa (Esde) diffusa oggi dalla Commissione, sono 19,9%, cifra più alta rispetto alla percentuale europea dell'11,5%. Sono ragazzi che vanno dai 15 ai 24 anni. Il mercato del lavoro li sta tagliando fuori, e loro, scoraggiati, rispondono smettendo di fatto di cercare un impiego. Il loro numero nel 2016 è comunque diminuito, se consideriamo che nel 2015 la percentuale toccava il 21,4%. A livello europeo, dopo il picco registrato nel 2013, il numero dei giovani disoccupati è diminuito di 1,8 milioni di unità e quello dei Neet di 1 milione di unità. Il gap tra uomini e donne che lavorano resta alto, il 20,1%, mentre il numero di persone che vivono in condizioni di estrema povertà equivale all'11,9%: oltre all'Italia, nei paesi Ue questa percentuale è cresciuta solo in Estonia e Romania.

Nel 2016, la disoccupazione in Italia fra i 15 e i 24 anni si attesta al 37,8%, in calo rispetto al 40,3% del 2015, terza dopo Grecia (47,3%) e Spagna (44,4%). Chi un lavoro invece ce l'ha già, in più del 15% dei casi, ha un contratto atipico e temporaneo, e se ha meno di 30 anni guadagna in media meno del 60% di un lavoratore con più di 60 anni. Nel grafico il confronto con gli altri paesi europei:

 

Se allarghiamo il campo, il trend generale dello studio segna una crescita dell'occupazione in Europa: 234 milioni di lavoratori in tutto, rispetto ai 225 milioni del 2013. I dati dimostrano poi che la disoccupazione è al livello più basso dal dicembre 2008, e che dal 2013 sono stati creati 10 milioni di posti di lavoro nell'UE. La commissaria responsabile per l'Occupazione Marianne Thyssen, ha commentato così lo studio: "Questa indagine annuale dimostra ancora una volta che stiamo procedendo con determinazione verso una maggiore crescita e occupazione. Ciononostante, i giovani d'oggi e i loro figli potrebbero ritrovarsi in condizioni peggiori rispetto ai genitori, e non è quello che vogliamo". Sono ancora i giovani a pagare il prezzo più alto sul lavoro, a nonostante i generali segnali positivi che arrivano da tutta Europa. Da qui al 2060 si prevede un calo dello 0,3 % nella popolazione lavorativa. E questo peserà naturalmente sul tasso di fecondità, sulla capacità di creare nuovi nuclei familiari, sulla possibilità per i giovani di acquistare una casa, sulla sostenibilità dei nuovi sistemi pensionistici. Pertanto si percepiranno pensioni più basse, in rapporto agli stipendi.

230 CONDIVISIONI
La Rai cerca di metterli a tacere, ma i più lucidi a raccontare la realtà sono i giovani artisti come Ghali
La Rai cerca di metterli a tacere, ma i più lucidi a raccontare la realtà sono i giovani artisti come Ghali
Grimaldi a Fanpage: "Dobbiamo abolire la precarietà, Italia è Paese in cui si è poveri pur lavorando"
Grimaldi a Fanpage: "Dobbiamo abolire la precarietà, Italia è Paese in cui si è poveri pur lavorando"
Europee, Rosato (Azione): "Alleanza con Italia viva? Come un vaso rotto messo insieme con lo scotch"
Europee, Rosato (Azione): "Alleanza con Italia viva? Come un vaso rotto messo insieme con lo scotch"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni