1.390 CONDIVISIONI
Covid 19
31 Agosto 2021
08:10

I No Green Pass pronti a bloccare 54 stazioni: Viminale prepara la stretta

Il fronte dei No Green Pass e No Vax si organizza, e promette disordini in 54 città italiane per domani, 1 settembre, con lo scopo di bloccare le stazioni ferroviarie. Il Viminale prepara la stretta: nei luoghi dove più alto è il rischio di scontri ci saranno i blindati di polizia e carabinieri. La ministra Lamorgese ha anche convocato il coordinamento che si occupa delle minacce ai giornalisti, dopo le aggressioni registrate nelle ultime 72 ore.
A cura di Annalisa Cangemi
1.390 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Tensioni nelle piazze, un gazebo del M5s distrutto a Milano, scienziati minacciati, intimidazioni a giornalisti. I No Green Pass e i No Vax si fanno sentire così, da Nord a Sud, e preparano una protesta in 54 città italiane per domani, 1 settembre, giorno in cui la certificazione verde sarà per la prima volta estesa ai trasporti a lunga percorrenza, e per viaggiare a bordo di treni, aerei e navi bisognerà essere vaccinati oppure guariti dal Covid, o in alternativa sarà necessario un tampone negativo effettuato nelle ultime 48 ore. I No Green Pass hanno promesso di bloccare l'accesso alle principali stazioni ferroviarie, a partire dalle 14:30 di domani: "Non ci fanno partire con il treno senza il passaporto schiavitù? Allora non partirà nessuno!". Questa la motivazione che spinge 40mila iscritti alla chat Telegram ‘Basta dittatura' a scendere in piazza contro politici, virologi e contro il mondo dell'informazione in generale.

Nel mirino ci sono le stazioni di Roma Tiburtina, Milano Porta Garibaldi, Torino Porta Nuova, Napoli Garibaldi. Non si sa chi guidi questo movimento. A Milano per strada c'erano le destre estreme di Forza Nuova e Lealtà e Azione, ma anche personaggi che gravitavano nelle galassia delle Brigate rosse e anarchici. Nei volantini si firmano ‘Popolo, Autogestito, Pacifico'.

Negli ultimi tre giorni si è registrata una preoccupante escalation di violenze: prima la cronista di RaiNews Antonella Alba spintonata durante un corteo nella Capitale, poi il videomaker di ‘Repubblica' Francesco Giovannetti aggredito davanti al ministero dell'Istruzione, dove si erano dati appuntamento i lavoratori della scuola, che protestavano contro la certificazione verde obbligatoria negli istituti, misura che partirà da domani. Anche l'infettivologo Matteo Bassetti, che pochi mesi fa era molto seguito dalle destre, è stato vittima di insulti, inseguito sotto casa e minacciato. Mentre il virologo Fabrizio Pregliasco ha ricevuto telefonate anonime.

La stretta del Viminale

Il Viminale sta organizzando una risposta ai manifestanti, in vista dei disordini di domani, 1 settembre. Si temono anche atti di sabotaggio alla linea ferroviaria, e altre azioni a sorpresa. Nei luoghi dove più alto è il rischio di scontri ci saranno i blindati di polizia e carabinieri. È stato anche convocato intanto il centro di coordinamento per il monitoraggio, l'analisi e lo scambio di informazioni sugli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti, che si riunirà a breve. Gli autori delle aggressioni sarebbero già stati individuati: nel caso del giornalista Giovannetti, finito al pronto soccorso in ambulanza, si tratterebbe di un collaboratore scolastico, a cui è stato sospeso il porto d’armi. Ma le proteste non si esauriranno domani: è in programma già una grande mobilitazione generale, il prossimo 6 settembre, contro l'obbligo vaccinale e contro le misure anti Covid.

1.390 CONDIVISIONI
27605 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni