28 Luglio 2021
18:20

Green pass, Speranza: “Siamo al lavoro per provare a contenere maggiormente i prezzi dei tamponi”

Il ministro della Salute chiede ancora “massima cautela”, vista la presenza della variante Delta. Ma il momento è diverso dai precedenti: “Oggi supereremo le 67 milioni di dosi di vaccino somministrate”, spiega Speranza. Poi il ministro risponde a chi non riuscirà a farlo entro il 6 agosto, data di entrata in vigore del green pass obbligatorio: “C’è un lavoro che è in corso con il commissario Figliuolo e chiaramente con tutte le organizzazioni dei farmacisti per provare a contenere maggiormente i prezzi dei tamponi”.
A cura di Tommaso Coluzzi

Dal green pass e il vaccino agli investimenti sulla sanità e le borse di specializzazione in medicina. Insomma, dal presente al futuro. Il ministro Speranza è intervenuto ad un incontro di Alleanza professione medica e ha parlato della situazione attuale innanzitutto, con l'utilizzo della certificazione verde che sta per essere ampliato sensibilmente, guardando anche in avanti, ai fondi record per l'assistenza territoriale. "C'è un lavoro che è in corso con il commissario Figliuolo e chiaramente con tutte le organizzazioni dei farmacisti per provare a contenere maggiormente i prezzi dei tamponi", ha annunciato il ministro della Salute rispondendo alle proteste di chi non riuscirà a fare il vaccino entro il 6 agosto.

Il ministro Speranza ha continuato a ripetere la parola chiave di quest'ultimo anno e mezzo (almeno dal suo punto di vista): "Cautela". Le varianti del Covid, e soprattutto la Delta, "ci consegnano un quadro delicato", ma "chi paragona questo momento a fasi precedenti commette un errore", perché "c'è una grande differenza": oggi "supereremo con molta probabilità le 67 milioni di dosi somministrate". A questo punto siamo "oltre il 65% di popolazione vaccinabile che ha avuto la prima dose" e "al 57% con la seconda". Secondo il ministro della Salute, questi numeri "ci aiutano ad affrontare in modo diverso questa stagione", ma "abbiamo bisogno di tenere ancora un livello di massima attenzione, cautela, prudenza".

Il ministro ha parlato anche di altri temi, soprattutto guardando al futuro della sanità italiana: "Mettere 4 miliardi sull'assistenza domiciliare rappresenta una svolta storica – ha spiegato Speranza – È quattro volte rispetto a quello che si metteva 3 anni fa sull'intero Servizio sanitario nazionale". I fondi aggiuntivi, ha aggiunto il ministro, andranno anche a finanziare sempre più risorse per il futuro: "Quattro anni fa c'erano seimila borse di specializzazione di medicina finanziate, tre anni poco più di ottomila – ha ricordato – L'anno scorso siamo arrivati a 13.400 borse, quest'anno a 17.400". Il motivo è semplice: "La lezione del Covid ci dice che una mascherina, un respiratore, lo puoi comprare – ha concluso il ministro – Un medico o lo hai formato o non lo compri".

Green pass, Meloni chiede tamponi gratis per tutti
Green pass, Meloni chiede tamponi gratis per tutti
Green Pass, Speranza annuncia: "Stiamo valutando un'estensione dell'obbligo"
Green Pass, Speranza annuncia: "Stiamo valutando un'estensione dell'obbligo"
Perché il governo non vuole rendere gratuiti i tamponi per ottenere il green pass
Perché il governo non vuole rendere gratuiti i tamponi per ottenere il green pass
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni