7.172 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 12 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
25 Luglio 2022
20:14

Giorgia Meloni vuole certezze dagli alleati: se Fdi prende più voti, lei deve essere premier

“Non avrebbe senso andare al governo insieme se non dovessimo riuscire a metterci d’accordo” sulla regola per indicare il nome a Mattarella, dice Giorgia Meloni. Chi prende più voti nel centrodestra esprime il premier, insomma.
A cura di Redazione
7.172 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Giorgia Meloni mette le mani avanti: il centrodestra andrà unito al governo solo se si rispetteranno le regole circa la scelta del nome spendibile per Palazzo Chigi. Tradotto in altri termini: la leader di Fratelli d’Italia vuole la certezza che, in caso di exploit del suo partito alle elezioni politiche del 25 settembre, sarà lei il nome da proporre come Presidente del Consiglio a Sergio Mattarella. Lo ha ribadito nel corso di un’intervista al Tg5, con parole chiarissime: “Non avrebbe senso andare al governo insieme se non dovessimo riuscire a metterci d’accordo su questo aspetto specifico. Confido che si vorranno confermare, anche per ragioni di tempo, regole che nel centrodestra hanno sempre funzionato, che noi abbiamo sempre rispettato e che non si capisce per quale ragione dovrebbero cambiare oggi”.

Giorgia Meloni si riferisce alla regola non scritta secondo cui il / la leader del partito che dovesse prendere più voti alle elezioni sarebbe anche il primo nome della coalizione per Palazzo Chigi, nel caso in cui si dovesse andare da vincitori dal Presidente della Repubblica. Un metodo confermato dallo stesso Matteo Salvini non più di qualche giorno fa, ma che retroscena e analisi sembravano aver messo in discussione: sono in molti, specie all’interno di Forza Italia, a ipotizzare che serva un profilo più moderato per la guida del Paese.

La leader di Fdi è però pronta a una lunga e complessa campagna elettorale, anche su questo aspetto: “Non ci faremo intimidire. E penso anche che la sinistra abbia bisogno di inventare una macchina del fango contro di noi perché non può dire niente di concreto e di vero”. Quanto all’investitura di Letta si sgancia subito: “Non ho bisogno dei regali di Enrico Letta, né dei riconoscimenti del suo partito. Lui fotografa la realtà, bisogna scegliere tra Fratelli d'Italia e il Partito Democratico perché sono i due principali partiti che si confronteranno in queste elezioni. Ma il sistema potrebbe tornare bipolare e la considero una buona notizia, perché si confrontano le identità: progressisti contro conservatori, centrosinistra contro centrodestra. Decideranno gli italiani da che parte stare”.

7.172 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni