7.928 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 8 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 14 minuti fa
Opinioni
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
12 Agosto 2022
09:09

Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima premier donna, ma la sua politica è un inno al patriarcato

Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima premier donna, ma con un’ideologia e un programma elettorale profondamente intrisi di maschilismo. La sua visione del mondo è tanto patriarcale quanto quella dei suoi predecessori.
A cura di Annalisa Girardi
7.928 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Quello di Giorgia Meloni è un paradosso tutto all'italiana. La leader di Fratelli d'Italia potrebbe diventare la prima premier donna, ma con un'ideologia e un programma elettorale profondamente intrisi di maschilismo. Dopo oltre settant'anni di storia repubblicana il Paese è finalmente pronto per una donna a Palazzo Chigi, è vero, ma questo non significa che l'Italia di Giorgia Meloni sarà un posto migliore per le sue cittadine. Non significa che vedremo un salto di qualità nelle politiche di genere del governo, che crescerà la rappresentanza femminile nei centri del potere o che si avvierà una rivoluzione culturale femminista. Tutt'altro. Il ritornello donna, italiana, madre, cristiana già di per sé mostra quanto il progetto politico di Giorgia Meloni sia lontano dall'essere inclusivo ed emancipante. La sua visione del mondo è tanto patriarcale quanto quella dei suoi predecessori maschi.

"Noi daremo voce ai diritti e alle libertà di chi non ha voce, a partire dalle donne e dai bambini", ha detto Meloni qualche giorno fa in un'intervista a Panorama. Solo che poi ha aggiunto: "Lavoreremo per attuare la prima parte della legge 194 e sostenere le donne che non vogliono abortire, difendere la libertà educativa delle famiglie da chi vuole imporre le teorie gender nelle scuole, ci batteremo per rendere l'utero in affitto reato universale e velocizzare le adozioni. Sono questioni di buon senso che non faranno male a nessuno". Come se qualcuno mettesse in discussione la libertà di scelta delle donne che vogliono portare a termine la gravidanza. Come se chi parla di omosessualità e disforia di genere a ragazzi e ragazze lo facesse per imporre un orientamento sessuale o un percorso di transizione e non per combattere le discriminazioni ed educare alla diversità. Come se la maternità surrogata (o gravidanza per altri (gpa) impropriamente definita "utero in affitto") non fosse altro che un tentativo di schiavizzare donne private di volontà propria, minando allo stesso tempo alla famiglia tradizionale, e non potesse invece essere una scelta (per la maggior parte delle volte compiuta da coppie etero, tra l'altro).

Il riferimento femminile per Meloni è quello che si inserisce in un determinato perimetro identitario. Madre. Cristiana. Italiana. Un profilo conservatore che per secoli è stato definito dagli uomini e, per forza di cose, abbraccia la stessa visione patriarcale del mondo. Che Giorgia Meloni diventi premier o meno, l'Italia continuerà ad avere un enorme problema con la questione della rappresentanza femminile in politica. Per non parlare della rappresentazione che questa fa delle donne.

È e sarà sempre una questione culturale: finché il nostro resterà un sistema così impregnato di sessismo e patriarcato, ai vertici riusciranno a emergere solo quelle figure femminili che incarnano comunque una visione maschile della società e del potere. E la vera parità di genere rimarrà lontana anni luce.

7.928 CONDIVISIONI
A Fanpage.it sono vice capoarea della sezione Politica. Mi appassiona scrivere di battaglie di genere e lotta alle diseguaglianze. Dalla redazione romana, provo a raccontare la quotidianità politica di sempre con parole nuove.
Luigi Di Maio non è stato rieletto, non farà parte del prossimo Parlamento
Luigi Di Maio non è stato rieletto, non farà parte del prossimo Parlamento
Giorgia Meloni sarà la prima donna premier, ma per le donne è una pessima notizia
Giorgia Meloni sarà la prima donna premier, ma per le donne è una pessima notizia
Fiorello e la satira sulla vittoria della Meloni:
Fiorello e la satira sulla vittoria della Meloni: "Cambia tutto, ci pagheranno anche le bollette"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni