25 Giugno 2014
17:14

Fondi Lega Nord, chiesto processo per Umberto Bossi e i figli

La Procura di Milano contesta all’ex leader della Lega Nord Umberto Bossi e ai figli Riccardo e Renzo la truffa ai danni dello Stato per la gestione dei fondi destinati al Carroccio.
A cura di Susanna Picone

La Procura di Milano ha chiesto che l’ex leader della Lega Nord Umberto Bossi venga processato insieme ai due figli Riccardo e il “Trota” Renzo e ad altre sei persone. Fra gli indagati c'è anche l'ex tesoriere del partito, Francesco Belsito. Inoltre il procuratore aggiunto Alfredo Robledo e i pm Roberto Pellicano e Antonio Filippini hanno firmato la richiesta di rinvio a giudizio a Stefano Bonet, Stefano Aldovisi, Diego Sanavio, Paolo Scala e Antonio Turci. La richiesta di processo è relativa alla vicenda della gestione dei fondi del Carroccio. Le accuse, a vario titolo, sono appropriazione indebita e truffa ai danni dello Stato per circa 40 milioni. A tale cifra, secondo i pm Alfredo Robledo, Paolo Filippini e Roberto Pellicano, ammonterebbero infatti i rimborsi elettorali ottenuti indebitamente dal Carroccio nel triennio 2008-2009-2010. Gli ex vertici della Lega Nord potrebbero dunque presto finire alla sbarra. Secondo quanto riferiscono fonti giudiziarie, i pm hanno invece chiesto l’archiviazione per l’ex vicepresidente del Senato, la leghista Rosi Mauro, ritenuta tra i protagonisti dell’inchiesta su presunte irregolarità nei conti del partito.  Secondo i pm, Mauro avrebbe fornito “documenti di supporto prospettando spiegazioni che al pm sembrano accoglibili e comunque tali da rendere assai dubbia la solidità della prospettazione accusatoria”.

Lega Nord: accuse di truffa e appropriazione indebita per Bossi e figli

Il fondatore della Lega Umberto Bossi e i suoi figli rispondono anche di un’appropriazione indebita per 500 mila euro. Questa la cifra che, secondo gli inquirenti, Bossi, i suoi figli Renzo e Riccardo e l’ex tesoriere avrebbero distratto dalle casse del partito per sostenere una serie di spese personali, come ad esempio i lavori edili nella abitazioni di Gemonio e Roma, i capi d’abbigliamento di lusso e anche la famosa laurea albanese conseguita da Renzo Bossi all’Università Kristal di Tirana. Un titolo di studio per il "Trota" che sarebbe stato pagato 77 mila euro.

Palermo, le pazienti confermano accuse di molestie: chiesto il processo per il medico Marcello Grasso
Palermo, le pazienti confermano accuse di molestie: chiesto il processo per il medico Marcello Grasso
Open Arms: Conte, Di Maio e Lamorgese chiamati a testimoniare nel processo a Salvini
Open Arms: Conte, Di Maio e Lamorgese chiamati a testimoniare nel processo a Salvini
Ruby ter, Berlusconi chiede il rinvio dell'udienza per motivi di salute
Ruby ter, Berlusconi chiede il rinvio dell'udienza per motivi di salute
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni