Colpo di scena nel giorno dello spoglio dei voti delle Elezioni Regionali in Sicilia: Luigi Di Maio ha fatto sapere di voler cancellare il dibattito televisivo con Matteo Renzi. Lo ha comunicato lui stesso con un lungo post pubblicato sul suo profilo Facebook, attribuendone la ragione ai risultati che stanno arrivando dalla Sicilia e che vedono la netta sconfitta del Partito Democratico.

“Avevo chiesto il confronto con Renzi qualche giorno fa, quando lui era il candidato premier di quella parte politica. Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato questa prospettiva”, scrive Di Maio, aggiungendo: “Mi confronterò con la persona che sarà indicata come candidato premier da quel partito o quella coalizione”. Nella lettura del candidato premier del MoVimento 5 Stelle, infatti, “il PD è politicamente defunto” e non si sa se Renzi “sarà il candidato premier alle prossime elezioni”.

La notizia è destinata a scatenare furiose polemiche, anche in considerazione del modo in cui si era giunti a "organizzare" il dibattito televisivo fra i due leader politici. Tutto era infatti partito dalla "sfida" lanciata da Di Maio all'ex Presidente del Consiglio, il quale aveva accettato e cominciato le trattative per individuare la tribuna adatta; lo stesso Di Maio aveva proposto Floris su La7, location accettata da Renzi e individuato la data, appunto martedì 7 novembre. Ora la marcia indietro.

Le reazioni politiche al forfait

Replicando alla decisione di annullare il confronto televisivo con Matteo Renzi, il presidente del Pd Matteo Orfini ha scritto su Twitter: "Spero che Floris mantenga il confronto. Al limite con una sedia vuota. Tanto non si noterà granché la differenza".

La deputata dem Alessia Morani invece scrive: "Giggino cuor di leone scappa di nuovo. Dopo la Boschi ora fugge da Renzi con una scusa patetica #braveheart #M5s". Il responsabile della comunicazione Pd, Matteo Richetti, ha invece commentato: "Da farsa. Ridicolo".

Il sottosegretario Gennaro Migliore twitta: "#DiMaioscappa è impaurito. Il blog esiste solo quando non si fa vedere in faccia. Il vuoto".

Di Battista sarà intervistato da Floris, ma niente confronto con Renzi

Pochi minuti dopo il forfait di Luigi Di Maio, si è appreso che domani sera – proprio nella fascia oraria in cui sarebbe andato in onda il confronto tv tra il candidato premier del Movimento 5 Stelle e il segretario del Pd Matteo Renzi – sarà ospite della trasmissione condotta da Giovanni Floris l'onorevole Alessandro Di Battista. A quanto si apprende, però, non è previsto alcun confronto con Matteo Renzi, ma si tratterà di un'intervista singola.