28 Luglio 2021
15:49

Decreto Recovery, via libera definitivo del Senato a governance e semplificazioni

Il decreto Recovery è legge. Il testo blindato arrivato dalla Camera è passato al Senato con 213 i voti favorevoli e 33 contrari. Il decreto legge disciplina la governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e stabilisce le misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di snellimento delle procedure.
A cura di Tommaso Coluzzi

A cinque giorni dal via libera della Camera dei deputati, è arrivato anche quello del Senato: a Palazzo Madama è passato il decreto semplificazioni-governance Pnrr, il cosiddetto decreto Recovery plan. Sono stati 213 i voti favorevoli e 33 quelli contrari, con nessun astenuto. Il decreto, che a Montecitorio era passato con 350 sì e 44 no, definisce la governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e le misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di snellimento delle procedure. Insomma, le semplificazioni tanto attese, con il decreto che andava assolutamente approvato entro il 30 luglio. Nessuna modifica, con il governo che ha posto la fiducia su un testo arrivato blindatissimo dalla Camera, dove era già stata fatta una profonda revisione.

Nel decreto viene disciplinata la governance del Pnrr, a partire dalla cabina di regia presieduta da Mario Draghi a Palazzo Chigi. Il rafforzamento delle strutture amministrative, invece, riguarda una serie di ambiti mirati: le fonti rinnovabili, contratti pubblici, trasporti, infrastrutture e grandi opere. Il passaggio alla Camera è valso uno snellimento sull'utilizzo del superbonus al 110%. La novità più rilevante, anche in senso simbolico, è il rafforzamento del coinvolgimento del Parlamento nell’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza: viene previsto un monitoraggio. Diverse modifiche anche per ciò che riguarda il Mezzogiorno.

Dalla maggioranza che sostiene il governo arriva un'esultanza più o meno unanime per l'approvazione. "Il governo Draghi mantiene gli impegni con l'Europa e con gli italiani – commenta il ministro Brunetta – Con il via libera definitivo del Senato al decreto semplificazioni, l'Italia entra in una nuova fase che vede la Pubblica amministrazione forza propulsiva della ripresa". Il ministro D'Incà, invece, parla di "un traguardo raggiunto, costruito sul dialogo e la mediazione, necessario per dotare il Paese di nuovi strumenti che possano semplificare le procedure amministrative, rendere più snella la burocrazia per i cittadini e per le imprese, regolamentare e portare a compimento le misure previste dal Pnrr". Dura la critica dall'opposizione: "Ci troviamo a dover dare, ancora una volta, il nostro voto contrario all'ennesima fiducia di questa strampalata maggioranza che prosegue imperterrita sulla strada del non rispetto verso la carta Costituzionale e sull' abuso della decretazione d'urgenza", attacca il senatore di Fratelli d'Italia, Andrea de Bertoldi, durante la dichiarazione di voto in Aula.

Green Pass, il governo incassa la fiducia al Senato: via libera definitivo al decreto
Green Pass, il governo incassa la fiducia al Senato: via libera definitivo al decreto
Via libera in Cdm al decreto green pass: Governo estende obbligo a lavoratori di scuole e Rsa
Via libera in Cdm al decreto green pass: Governo estende obbligo a lavoratori di scuole e Rsa
Decreto green pass, via libera della Camera: no ai tamponi gratuiti
Decreto green pass, via libera della Camera: no ai tamponi gratuiti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni