29 Giugno 2017
15:06

Ddl concorrenza, ok della Camera: novità su Rc auto e spot nei selfie dei vip

Il ddl è stato approvato con 218 voti a favore. Il testo ora torna in Senato. Ordine del giorno per regolamentare i selfie dei vip che sponsorizzano prodotti sui social.
A cura di Susanna Picone

L'Aula della Camera ha approvato il ddl concorrenza con 218 sì, 124 no e 36 astenuti. Su 630 deputati, erano presenti in 378 e hanno preso parte alla votazione in 342. Il testo, modificato in commissione a Montecitorio, torna adesso al Senato dove era stato approvato con la fiducia. “Un testo buono che è stato migliorato in alcuni punti a favore dei cittadini. Le modifiche che abbiamo operato sono molto limitate per consentire un rapido passaggio al Senato. La volontà di una rapida approvazione c'è, come ha espresso il Governo. Se ognuno  farà la propria parte al Senato il provvedimento sarà approvato celermente”, ha detto il capogruppo Pd in commissione Attività produttive della Camera, Gianluca Benamati.

Le principali novità – Le modifiche approvate dalle commissioni Finanze e Attività produttive derivano da emendamenti Pd e bipartisan. Per quanto riguarda il passaggio al mercato libero dell'energia, fissato al primo luglio 2019, risultano cancellate le aste per i clienti “tutelati” che a quella data non avranno ancora scelto un nuovo fornitore. Torna la possibilità di rinnovo tacito per le polizze-danni e via i “paletti” introdotti dal Senato nelle chiamate relative a offerte commerciali telefoniche. Sono stati poi reintrodotti vincoli più restrittivi per le società di odontoiatria in termini di abilitazione dei componenti. Uno dei principali capitoli del provvedimento riguarda le assicurazioni e in particolare la Rc auto. Tra le novità figurano gli sconti per gli automobilisti che installano dispositivi come la scatola nera e per i “virtuosi” che risiedono nelle aree a più alta sinistrosità e con prezzi più alti. Il provvedimento lascia all'Ivass i compiti di determinazione (sono previste anche misure anti-frode nel settore). Altre misure riguardano il comparto della produzione di energia da fonti rinnovabili e la razionalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti. Il ddl contiene poi misure sui fondi pensione, la telefonia, il settore bancario e finanziario, le farmacie, il turismo con la cosiddetta “norma Booking”.

La norma sui selfie vip – A margine del testo hanno trovato spazio anche i selfie dei vip sui social network, quelli che spesso nascono per promuovere prodotti. Si chiede al governo di “valutare l'opportunità di un intervento a livello legislativo affinché l'attività dei web influencer sia regolata, permettendo ai consumatori di identificare in modo univoco quali interventi realizzati all'interno della rete internet costituiscano sponsorizzazione”. “Grazie alla nostra sollecitazione, Sergio Boccadutri ha presentato un ordine del giorno che è stato approvato durante l'esame del ddl Concorrenza sul tema della pubblicità promossa in modo occulto dai web influencer”, così in una nota l’Unione nazionale consumatori. L'Unc aveva sollevato il problema dei selfie sponsorizzati e della pubblicità camuffata sui blog e i social network presentando nei mesi scorsi un esposto all'Antitrust e ha chiesto l'intervento anche dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

I membri del governo sui social: Salvini è quello con più follower, ma Meloni vince per interazioni
I membri del governo sui social: Salvini è quello con più follower, ma Meloni vince per interazioni
Multe, sequestri e pugno duro: così Salvini annuncia la linea del governo Meloni sui migranti
Multe, sequestri e pugno duro: così Salvini annuncia la linea del governo Meloni sui migranti
Gemmato esprime dubbi sui vaccini, poi ritratta. Schillaci:
Gemmato esprime dubbi sui vaccini, poi ritratta. Schillaci: "Sua posizione in linea con il governo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni