video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Crosetto dice che l’Italia darà sistemi di difesa aerea all’Ucraina

Il ministro della Difesa dice che il governo non ha ancora cominciato a costruire il nuovo decreto sull’invio di armi in Ucraina, ma che “se possibile” l’Italia fornirà difese antiaeree a Kiev.
A cura di Tommaso Coluzzi
601 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'Italia potrebbe fornire sistemi di difesa aerea all'Ucraina. Nella telefonata di ieri tra Volodymyr Zelensky e Giorgia Meloni, durante la quale la presidente del Consiglio ha invitato il leader ucraino a Roma, è arrivata una nuova richiesta di aiuti militari, dei quali Kiev continua ad avere bisogno nel conflitto in corso da quasi un anno con la Russia di Putin. A rispondere è stato questa mattina il ministro della Difesa, Guido Crosetto, intervistato dal Messaggero: "Non abbiamo ancora cominciato la costruzione del sesto decreto – ha detto Crosetto – Di certo l’Ucraina sta chiedendo da mesi un supporto contro gli attacchi aerei su obiettivi civili: case ospedali, scuole, centrali elettriche". E ha aggiunto: "Se sarà possibile certamente li aiuteremo a difendersi, la Russia ha superato un confine che non doveva superare".

"La fornitura deve essere compatibile con la possibilità di avere queste armi e di darle a Kiev efficienti e funzionanti – ha poi aggiunto Crosetto – I razzi non li trovi al supermercato come un barattolo di Nutella, sono sistemi complessi per i quali sono necessari tempi lunghi di produzione". Dunque "se diamo sistemi di difesa aerea all’Ucraina, dobbiamo prenderli dalle nostre scorte e lo dobbiamo fare senza sguarnirci e con la certezza della qualità".

Quanto al fronte di guerra, Crosetto si è detto preoccupato: "Mi auguro finisca il prima possibile. Dobbiamo costruire il dialogo e prendere sul serio qualunque apertura. Dobbiamo parlare con tutti gli attori – ha spiegato ancora – E penso che il ruolo di Meloni e dell’Italia possa essere non marginale: Giorgia, negli appuntamenti internazionali avuti in appena due mesi, è riuscita a ottenere credibilità, centralità e rispetto. Requisiti che vanno sfruttati per creare un percorso di dialogo per la pace".

E infine il ministro della Difesa ha riaperto la porta del rischio del conflitto nucleare: "L’uso del nucleare tattico è previsto dalla Russia. Per noi è inconcepibile, ma per Mosca sì se si supera un punto di non ritorno, se rischiassero la sconfitta, lo è – ha detto Crosetto – Insomma, il pericolo, potenzialmente, esiste, per quanto molto improbabile".

601 CONDIVISIONI
4347 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views