185 CONDIVISIONI
26 Novembre 2021
10:45

Cosa è il Trattato del Quirinale firmato da Italia e Francia e perché si ‘scambieranno’ i ministri

È stato firmato dal presidente del Consiglio Draghi e dal presidente francese Macron il Trattato del Quirinale: l’accordo prevede anche che almeno una volta ogni tre mesi ministri italiani e francesi prendano parte alle riunioni dei rispettivi esecutivi.
A cura di Annalisa Cangemi
185 CONDIVISIONI

Italia e Francia hanno firmato un patto per una maggiore cooperazione, su diverse tematiche, dal clima alla gestione dei flussi migratori. L'accordo bilaterale consolida le relazioni tra Parigi e Roma, e nelle intenzioni dei leader serve a favorire il processo di integrazione europea. Il Trattato del Quirinale permetterà anche ai due Paesi di avere un maggior peso in ambito europeo.

Il patto "nasce dalla consapevolezza della profondità dei nostri legami. Rafforziamo la cooperazione tra i nostri due Stati, creiamo strumenti istituzionali per renderla più strutturale, valorizziamo al meglio le attività dei nostri cittadini e delle nostre imprese", ha spiegato il presidente del Consiglio Mario Draghi durante la conferenza stampa con il presidente francese Emmanuel Macron dopo la firma del Trattato

"I nostri obiettivi sono quelli dell'Ue: lotta al cambiamento climatico, la transizione ecologica fatta con giudizio e con rapidità, la transizione digitale, anche la ricerca di una sovranità europea. E sono gli stessi obiettivi dell'Unione europea. Quello che questo Trattato permette a noi di fare è di dotare l'Unione europea di strumenti che la rendano più forte", ha detto ancora il premier.

"Cercare la sovranità europea significa voler disegnare il proprio futuro come lo vogliamo noi europei. Non ce lo vogliamo far disegnare da altri. L'Europa deve sapersi proteggere, difendere i propri confini, occorre creare una vera difesa europea. Questo Trattato aiuta la costruzione della difesa europea che e' complementare alla Nato. Un'Europa più forte fa la Nato più forte", ha detto ancora Draghi, aggiungendo: "Dobbiamo imparare la disciplina dell'amicizia. Consultarsi ed agire insieme".

Anche la gestione dell'immigrazione rientra nell'accordo: "Negli ultimi mesi i rapporti tra Italia e Francia si sono ulteriormente avvicinati. Cooperiamo sui temi che stanno più a cuore ai nostri Paesi, istituiamo un servizio civile italo-francese, un comitato di cooperazione transfrontaliero, riconosciamo la necessità di una politica di gestione dei flussi migratori condivisa dall'Unione Europea basata su principi di solidarietà e responsabilità".

Il Trattato del Quirinale segna "una visione geopolitica comune" tra Italia e Francia, ha commentato il presidente Macron. "Firmarlo e vedere i colori" delle Frecce "che si univano nel cielo e si cancellavano insieme, e diventavano quasi indistinti, è stata un'emozione grande. Questa amicizia che viene da così lontano ci costringe a una disciplina nell'amicizia, quella di parlare molto e agire molto insieme". Il presidente francese ha citato il filosofo e scrittore De Montaigne: "Diceva che l'amicizia è pensare: ‘Perché l'amavo? Perché era lui; perché ero io'. Ecco questo trattato lo possiamo firmare solo noi. C'è una forma evidente, ineffabile che diventa più esplicita e la dobbiamo rendere ancora più forte. Ed è questa l'amicizia fraterna che ci lega".

Cosa prevede il testo del Trattato siglato da Italia e Francia

All'articolo 3 del Trattato del Quirinale dedicato agli Affari europei si legge che Italia e Francia "agiscono insieme per un’Europa democratica, unita e sovrana e per lo sviluppo dell’autonomia strategica europea. Esse s’impegnano a rafforzare le istituzioni e a difendere i valori fondanti del progetto europeo e lo Stato di diritto. Esse promuovono una transizione dell’Unione Europea verso un modello di sviluppo resiliente, inclusivo e sostenibile, nel quadro di un’economia aperta e dinamica, sfruttando appieno il potenziale di un Mercato unico generatore di resilienza".

"Le parti – si legge – si consultano regolarmente e a ogni livello in vista del raggiungimento di posizioni comuni sulle politiche e sulle questioni d'interesse comune prima dei principali appuntamenti europei. Le parti rafforzano il coordinamento nei principali settori della politica economica europea, quali la strategia economica e di bilancio, l'industria, l'energia, i trasporti, la concorrenza e gli aiuti di Stato, il lavoro, il contrasto delle diseguaglianze, la transizione verde e digitale e la programmazione finanziaria dell'Unione europea".

I due Paesi promuovono inoltre "dei meccanismi di convergenza fiscale al fine di lottare contro la concorrenza aggressiva, sostenendo al contempo un'evoluzione delle regole della fiscalità internazionale che rispondano alle sfide della digitalizzazione delle economie". Roma e Parigi, infine, "favoriscono, ove appropriato e nel quadro previsto dai Trattati dell'Unione Europea, un più esteso ricorso al sistema della maggioranza qualificata per l'assunzione di decisioni nel Consiglio". 

Italia e Francia si ‘scambieranno' i ministri

Il patto prevede un meccanismo di stretta collaborazione tra i due governi: almeno una volta ogni trimestre, un ministro italiano parteciperà a un consiglio dei ministri del governo francese, e viceversa.

185 CONDIVISIONI
Ministra Carfagna lascia Forza Italia:
Ministra Carfagna lascia Forza Italia: "Sulla crisi del governo non siamo stati consultati"
Cosa prevede l'accordo sull'export del grano tra Russia e Ucraina che sarà firmato oggi
Cosa prevede l'accordo sull'export del grano tra Russia e Ucraina che sarà firmato oggi
Cosa ne sarà di donne e minoranze nell'Italia di Giorgia Meloni
Cosa ne sarà di donne e minoranze nell'Italia di Giorgia Meloni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni