Come avvenuto ieri alla Camera anche nell'Aula del Senato è intervenuto questa mattina il premier Giuseppe Conte per l'informativa urgente sull'emergenza coronavirus. A sentire il presidente del Consiglio ai banchi del governo i ministri Patuanelli, Speranza, Di Maio, Catalfo, D'Incà e il sottosegretario Fraccaro. Per mantenere la distanza di sicurezza, essendo finiti i posti a disposizione, la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova è stata costretta a sedersi in uno scranno da senatore.

Nessuno dei ministri indossa la mascherina, a differenza dei senatori: la hanno praticamente tutti, e in diversi indossano i guanti monouso, che sono stati distribuiti all'ingresso dell'Emiciclo. Sempre per garantire il distanziamento, diversi senatori seguono l'informativa di Conte dalle tribune del pubblico. Il suo intervento è durato circa un'ora. Subito dopo è iniziato il dibattito.

L'intervento di Conte

"Con il nuovo intervento normativo che è in corso di elaborazione, confidiamo di pervenire a uno strumento complessivo altrettanto significativo, interverremo con stanziamenti aggiuntivi di non minore importo rispetto ai 25 miliardi stanziati. Vogliamo potenziare ancor più questo intervento", ha ricordato Conte nel corso dell'informativa urgente in Senato sull'emergenza coronavirus. "Il lavoro che stiamo portando avanti si è già giovato dei suggerimenti che le forze politiche, anche di opposizione, hanno fatto pervenire. Il governo – ha ribadito – è favorevole a proseguire questo confronto tra le varie forze politiche rappresentate in parlamento, in modo da concordare un percorso di condivisione delle misure riparatorie e di rilancio dell'economia quanto più ampio possibile".

L'Italia è favorevole allo strumento dei Covid-bond, ha spiegato ancora Conte, sottolineando di non apprezzare la terminologia "coronabond". "Preferirei chiamarli European Recovery bond".

"Questa è una battaglia che si vince tutti insieme altrimenti a perdere saremo tutti", perché "questo virus è invisibile, è come il vento, soffia dove vuole", ha aggiunto, accolto da un applauso, nella parte conclusiva dell'intervento. "Ribadirò questa posizione fra qualche ora, ad una video conferenza a livello di G20 e poi al vertice del Consiglio europeo".