2.924 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
5 Maggio 2022
19:36

Conte chiede a Draghi di riferire in Aula sull’invio armi all’Ucraina: “Parole Guerini allarmanti”

Il leader del M5s Giuseppe Conte ha chiesto a Draghi di riferire in Parlamento dopo l’audizione del ministro della Difesa Guerini sull’invio di armi in Ucraina.
A cura di Annalisa Cangemi
2.924 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Si alza il livello dello scontro tra Pd e M5s dopo che il ministro della Difesa Guerini è intervenuto in audizione alla Camera per riferire sulla situazione della guerra in Ucraina e sull'invio di armi da parte dell'Italia a sostegno di Kiev.
"È necessario e urgente quanto invochiamo da giorni: che il premier Draghi e il ministro della Difesa vengano in Parlamento e si confrontino con i rappresenti del popolo", ha chiesto il presidente del M5S, Giuseppe Conte, intervistato da Paolo Del Debbio a Dritto e Rovescio in onda questa sera su Rete4

"Noi siamo contrari all'invio di armi sempre più letali e offensive – ha ribadito Conte – ma il tema vero è l'indirizzo politico: l'Italia sta partecipando agli aiuti" all'Ucraina, "ma con quali finalità? Quali posizioni fa valere l'Italia con i propri alleati?".

A scatenare la reazione dell'ex premier sono state le parole di oggi del ministro Guerini, il quale ha spiegato le tre ragioni che hanno spinto il governo a non rendere pubblico l'elenco delle armi inviate: "Per non far percepire alla parte russa in termini provocatori questa attività, avendo cura di non enfatizzarne la comunicazione"; "per non rendere note le eventuali vulnerabilità e criticità delle forze armate ucraine" e "perché in certi casi i Paesi produttori di armi hanno chiesto di mantenere la riservatezza".

"Sulla base di quanto indicato dalla legge e in relazione all'evoluzione sul terreno, l'impegno italiano continuerà a supportare l'Ucraina nella sua difesa dall'aggressione russa anche con dispositivi in grado di neutralizzare le postazioni dalle quali la Russia bombarda indiscriminatamente le città e la popolazione civile", ha detto ancora il ministro dem in audizione presso le Commissioni riunite Difesa di Senato e Camera. Ed è in particolare questa dichiarazione considerata preoccupante dai pentastellati. Si tratta, ha precisato poi il ministero della Difesa, di munizionamenti a cortissimo raggio funzionali al solo scopo difensivo e per proteggere città e cittadini.

Quello che Guerini ha detto sulle armi per neutralizzare le postazioni russe "mi ha molto preoccupato: significa che siamo disponibili anche a distruggere postazioni russe in territorio russo – ha detto ancora Conte a ‘Dritto e Rovescio' – Però attenzione dobbiamo dare atto che il ministro della Difesa l'ha in parte corretta. Ha fatto una precisazione che ritengo doverosa: non intendeva dire che si colpiscono postazioni russe in territorio russo. Ma questo rende comunque urgente quello che invochiamo da giorni: il premier, oltre che il ministro della Difesa, vengano in Parlamento, dove ci sono i rappresentanti del Popolo che può esercitare i suoi poteri di indirizzo e controllo". 

"Oggi il Ministro Guerini ha parlato di armi per "neutralizzare" le postazioni russe. Dichiarazioni allarmanti, tanto da rendere necessaria una precisazione del Ministero a mezzo stampa. Purtroppo continuiamo a sentir parlare troppo di armi e poco di negoziati. Il Governo deve chiarire se stiamo lavorando a un'escalation militare o a un'escalation diplomatica orientata a fermare la guerra", aveva commentato Giuseppe Brescia (M5s) coordinatore comitato sicurezza.

"Siamo inoltre contrari alla posizione espressa dal Ministro, quando dice che i negoziati possono partire veramente solo dopo il cessate il fuoco – ha aggiunto l'esponente pentastellato –. Se aspettiamo l'ultima bomba per negoziare non resterà più niente, sarà solo una carneficina. Al contrario serve oggi più che mai un impegno costante dell'Italia a lavorare 24 ore su 24 per una soluzione diplomatica che fermi la guerra. Come abbiamo già chiesto, il Presidente del Consiglio Mario Draghi deve venire alle Camere a spiegare chiaramente la posizione italiana, anche in vista dei prossimi appuntamenti internazionali".

2.924 CONDIVISIONI
2688 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni