373 CONDIVISIONI
12 Giugno 2021
08:25

Come cambia la campagna vaccinale dopo lo stop del governo di AstraZeneca agli under 60

Il commissario straordinario per l’emergenza, generale Figliuolo, dopo lo stop del governo al vaccino di AstraZeneca sotto i 60 anni ha spiegato che la campagna vaccinale (ormai vicina alla soglia di 600 mila dosi somministrate al giorno) potrebbe subire un impatto: ma questo solo se ci dovessero essere ulteriori intoppi o ritardi nelle consegne. Altrimenti i 15 milioni di dosi AstraZeneca disponibili da qui a settembre dovrebbero coprire gli over 60 ancora da vaccinare e il richiamo di quelli che hanno fatto solo la prima. Vediamo un po’ di numeri.
A cura di Annalisa Girardi
373 CONDIVISIONI

La campagna vaccinale non verrà compromessa dallo stop imposto dal governo alla somministrazione di Vaxzevria (AstraZeneca) dietro "forte raccomandazione" da parte del Comitato tecnico scientifico. Con le dosi somministrate giornalmente vicine a quota 600 mila, è importante non rallentare hanno detto il ministro Roberto Speranza e il commissario straordinario Francesco Figliuolo, riuniti ieri in conferenza stampa. Certo, come ha spiegato anche il generale Figliuolo, se a questo punto dovessero verificarsi ulteriori intoppi o ritardi nelle consegne, per la fascia di popolazione sotto i 60 anni a cui andranno destinati esclusivamente i vaccini a mRna (quindi quello di Pfizer BioNTech e di Moderna) potrebbero crearsi un po' di problemi, con le prenotazioni destinate a slittare. Al contrario, però, se tutto procederà come previsto, l'impatto sulla campagna vaccinale dovrebbe essere minimo e non dovrebbero essere posticipati nemmeno per i richiami.

"Attualmente ci sono circa 3,5 milioni di over 60 ancora da vaccinare e dobbiamo effettuare la seconda dose, che sarà con Astrazeneca solo per questa fascia d'età, a circa 3,9 milioni di persone. Per il resto, sotto i 60 anni, faremo prime vaccinazione e seconde dosi con i sieri a mRNA. C'è la sostenibilità logistica", ha assicurato Figliuolo indicando che da qui a settembre sono attese altre 9,5 milioni di dosi di AstraZeneca. Le quali, sommandosi a quelle già disponibili, arrivano a un totale di 15 milioni circa. Contando gli over 60 che devono ancora essere vaccinati e le seconde dosi per queste categorie, si dovrebbero riuscire a utilizzare tutti i vaccini consegnati dalla farmaceutica anglo-svedese.

"In questo momento siamo lisci lisci con le forniture, se ci saranno altri intoppi si rivedranno i piani. Io non faccio fosche previsioni, sono convinto che per fine settembre riusciremo a chiudere la partita", ha ribadito il commissario straordinario. E nel caso in cui avanzassero molti più vaccini AstraZeneca di quanto previsto da Figliuolo, le fiale potrebbero andare all'iniziativa Covax, messa in piedi dall'Organizzazione mondiale della sanità per distribuire i vaccini anche ai Paesi più poveri.

373 CONDIVISIONI
Il generale Figliuolo ammette: "Su AstraZeneca e mix vaccinale governo poteva comunicare meglio"
Il generale Figliuolo ammette: "Su AstraZeneca e mix vaccinale governo poteva comunicare meglio"
Dove sta rallentando di più la campagna vaccinale per gli over 60, Regione per Regione
Dove sta rallentando di più la campagna vaccinale per gli over 60, Regione per Regione
Le Regioni ignorano il ministero: quali continuano a somministrare vaccino Johnson agli under 60
Le Regioni ignorano il ministero: quali continuano a somministrare vaccino Johnson agli under 60
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni