138 CONDIVISIONI
11 Novembre 2021
16:07

Come cambia il Superbonus 110% con l’intervento del governo contro le frodi, ecco i nuovi controlli

Il governo ha varato un nuovo dl per contrastare le frodi sul Superbonus 110%, il messaggio di Draghi è stato chiaro: “Dimostriamo che i soldi sono spesi bene”. Arrivano nuovi controlli specifici per evitare che i fondi siano utilizzati impropriamente e potrebbe arrivare presto un “prezzario” per contenere il caro materiali.
A cura di Tommaso Coluzzi
138 CONDIVISIONI

Il Superbonus al 110% cambia ancora, ma resiste. La misura per agevolare la ripresa del settore edilizio da un lato e aumentare l'efficientamento energetico dall'altro – diventata bandiera del Movimento 5 Stelle – è oggetto di un decreto legge varato ieri dal governo Draghi: una sorta di stretta anti-frode. "Dobbiamo preservare la fiducia collettiva nella spesa pubblica e dimostrare che i soldi sono spesi bene", avrebbe detto ieri Draghi rivolgendosi direttamente ai suoi ministri, dopo che il decreto sul Superbonus – prorogato nella manovra – è stato approvato. Insomma, il messaggio è chiaro: vanno bene le agevolazioni, gli aiuti e gli incentivi, ma bisogna assicurarsi che nessuno se ne approfitti, altrimenti si perde di credibilità.

I nuovi controlli del governo contro le frodi

Il decreto, spiegano da Palazzo Chigi, "mira a evitare le frodi relative alle detrazioni e cessioni di crediti per lavori edilizi ed estende l’obbligo del visto di conformità, previsto ora per la cessione del credito o lo sconto in fattura, anche nel caso in cui il cosiddetto Superbonus al 110% venga utilizzato dal beneficiario in detrazione nella propria dichiarazione dei redditi, tranne nei casi in cui la dichiarazione stessa sia presentata direttamente dal contribuente o tramite il sostituto d’imposta". L’obbligo per il visto di conformità "viene inoltre esteso anche in caso di cessione del credito o sconto in fattura relativi alle detrazioni fiscali per lavori edilizi diversi da quelli che danno diritto al Superbonus al 110%". Poi viene anche specificato che l'Agenzia delle Entrate può sospendere "fino a 30 giorni l’efficacia delle comunicazioni su cessioni del credito o su sconti in fattura inviate alla stessa Agenzia che presentano particolari profili di rischio, ai fini del relativo controllo preventivo". E inoltre "viene disciplinata, razionalizzata e potenziata l’attività di accertamento e di recupero da parte dell’Agenzia delle Entrate, relativamente alle detrazioni e cessioni dei crediti per lavori edilizi ed ai contributi a fondo perduto".

Il contrasto all'aumento dei prezzi dei materiali

Uno degli effetti collaterali dell'introduzione del Superbonus 110% è quello dell'aumento dei prezzi delle materie prime. Prezzi che rischiano anche di essere gonfiati, visto che sono sostanzialmente a carico dello Stato. Per questo motivo il presidente del Consiglio avrebbe chiesto personalmente di arrivare ad una lista di prezzi ad hoc con i costi dei materiali, una specie di "prezzario" che regolamenti l'acquisto di quel tipo di beni. Si tratta di un'indicazione, però, non ci dovrebbe essere traccia per ora nel decreto.

138 CONDIVISIONI
Il governo non vuole prorogare il Superbonus: non ci sono più fondi
Il governo non vuole prorogare il Superbonus: non ci sono più fondi
Sono finiti i fondi del Superbonus 110% e le banche non accettano più i crediti: lavori a rischio
Sono finiti i fondi del Superbonus 110% e le banche non accettano più i crediti: lavori a rischio
Superbonus, verso stop alla proroga: non ci sono soldi, ma si studia intervento per salvare i lavori
Superbonus, verso stop alla proroga: non ci sono soldi, ma si studia intervento per salvare i lavori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni