3.512 CONDIVISIONI
backstair / Follow the money
16 Maggio 2021
16:31

Caso Durigon, Di Battista torna a chiedere dimissioni: “M5s imponga discussione mozione censura”

Alessandro Di Battista torna a chiedere le dimissioni del sottosegretario leghista all’Economia, Claudio Durigon, in seguito alla pubblicazione dell’inchiesta di Fanpage.it. Di Battista chiede ai suoi ex colleghi del Movimento 5 Stelle di “imporre la discussione rapida della mozione di censura per vedere a che gioco gioca Draghi”.
A cura di Stefano Rizzuti
3.512 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Immagine Follow the money: inchiesta sul caso Durigon

Alessandro Di Battista, ex deputato del Movimento 5 Stelle, torna a chiedere le dimissioni del sottosegretario leghista all’Economia, Claudio Durigon, dopo la pubblicazione dell’inchiesta di Fanpage.it. Intervenendo a Mezz’ora in più, Di Battista definisce Durigon “un cazzaro” e chiede al M5s di intervenire con decisione per imporre la discussione sulla mozione di censura nei confronti del sottosegretario all’Economia. “Uno dei più potenti politici leghisti, a cui Salvini ha messo in mano il dossier delle nomine, è stato pizzicato da Fanpage a dire frasi disdicevoli e Draghi l’ha difeso e la Meloni, che teoricamente è all’opposizione, non ha messo bocca, perché è alleata con la Lega”, afferma.

Alla conduttrice, Lucia Annunziata, che gli chiede se possa bastare una frase come prova definitiva, Di Battista replica: “Il sottosegretario all’Economia, ovvero il ministero che oggi si occupa di gestire la fetta più cospicua del Recovery e gestisce la Guardia di finanza, dice che il generale che indaga sui 49 milioni l’hanno piazzato loro o è un cazzaro… E non è proprio il top avere all’interno del governo dei migliori un sottosegretario che dice queste frasi e vanta nella provincia di Latina rapporti molti torbidi. Anche un sottosegretario che promette nomine a destra e manca”. Per l’ex deputato le dimissioni di Durigon si devono chiedere perché i politici “non devono essere soltanto onesti ma devono sembrare anche tali. Oggi la questione morale non la tratta nessuno, la può ancora trattare il Movimento 5 Stelle perché da quando è sceso sulla scena della politica italiana non ci sono stati scandali”.

Secondo Di Battista il Movimento “dovrebbe imporre la discussione rapida della mozione di censura per vedere a che gioco gioca Draghi”. L’ex deputato prosegue sostenendo che non esistono solo le questioni giudiziarie ma anche quelle politiche: “Quanti ministri all’estero si sono dimessi per aver copiato una tesi di laurea?”. Non bisogna, quindi, aspettare l’intervento della magistratura: “Assolutamente no, se aspettiamo la magistratura per fare pulizia all’interno della politica è sbagliatissimo. Non si può aspettare che intervenga la magistratura per fare pulizia. Il tema è questo. Spero che Fanpage vada avanti con questa inchiesta, lei da giornalista dovrebbe difendere per prima le inchieste giornalistiche”, dice ancora rivolgendosi alla conduttrice. Alla quale si rivolge ancora una volta: “L’inchiesta forse non l’ha vista adeguatamente, le consiglio di vederla”.

3.512 CONDIVISIONI
Invia la tua segnalazione
al team Backstair
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni