8.486 CONDIVISIONI
30 Ottobre 2011
19:02

A Napoli una pizza costa 100 euro, ma solo per deputati e senatori

Per deputati e senatori una pizza viene a costare 100 euro, mentre un panino 350: ecco il menù designato da un gruppo di commercianti napoletani per abbattere i privilegi della ‘casta’. L’iniziativa è partita da Francesco Emilio Borrelli, Commissario Regionale dei Verdi campani e da Sergio Miccù, Presidente dell’Associazione Pizzaioli Napoletani.
A cura di Daniela Caruso
8.486 CONDIVISIONI

Menù maggiorato per gli appartenenti alla ‘casta’, quello stabilito da un gruppo composto da una quindicina di commercianti napoletani, i quali, con prezzi più alti, si schierano contro “chi ha troppi privilegi, compresi i prezzi stracciati dei ristoranti di Camera e Senato”. Costi esorbitanti per una pizza che viene loro a costare ben 100 euro. La maggiorazione, però, non è applicata solamente su questa famosa pietanza partenopea: infatti, anche un semplice cornetto viene a costare 90 euro, un bicchiere di yoghurt 1.000 euro e un panino alla ‘modica' cifra di 350 euro.

I ‘prezzi pazzi’ riservati solo a senatori e deputati non riguardano solo il settore della ristorazione. Come si può leggere da una lista di bar, ristoranti e cartolerie che aderiscono all’iniziativa, anche una banale penna a sfera e una seduta dal parrucchiere costano 300 euro. L’iniziativa è partita da Francesco Emilio Borrelli, Commissario Regionale dei Verdi campani e da Sergio Miccù, Presidente dell’Associazione Pizzaioli Napoletani. La loro rappresenta una sorta di risposta alla crisi che, in questo periodo, sta coinvolgendo gli italiani, costretti, ogni giorno, a minimizzare le spese per arrivare a fine mese. Come ha dichiarato Borrelli, “Non accettiamo più che mentre gli italiani devono stringere la cinghia, loro mangiano e viaggiano gratis. È ora che anche loro paghino il conto e, se non lo fanno spontaneamente, li obbligheremo noi facendogli aumentare i costi dei prodotti di consumo alle stelle. La patrimoniale gliela imporremo con i fatti”.

Una rivolta che parte da Napoli e che ha come scopo estendersi a livello nazionale, raccogliendo le adesioni di tutti i commercianti che nei loro esercizi annoverano clienti appartenenti alla Casta. Da Radio Marte Stereo è partita la raccolta di adesioni, che vede già molti sostenitori. Miccù, infatti, incita i colleghi a prender parte a questa iniziativa, aumentando il prezzo della pizza. Borrelli ha dichiarato che in pochi giorni “già 30 locali hanno messo i sovrapprezzi per i deputati, dai caffé a 90 euro ai panini a 350, fino ai pastori di San Gregorio Armeno a 1.200 euro. Ovviamente, qualora i deputati italiani si riducessero i benefit e gli stipendi, la nostra campagna si fermerebbe subito”.

8.486 CONDIVISIONI
Fratoianni a Fanpage: "Solo Renzi non capisce che un senatore non può essere pagato da stati esteri"
Fratoianni a Fanpage: "Solo Renzi non capisce che un senatore non può essere pagato da stati esteri"
Caso Open, M5s chiede codice condotta per i senatori. Italia Viva: "Da Cinque Stelle solo fake news"
Caso Open, M5s chiede codice condotta per i senatori. Italia Viva: "Da Cinque Stelle solo fake news"
La Camera ha respinto la sospensiva per la deputata no vax Cunial, potrà entrare solo con green pass
La Camera ha respinto la sospensiva per la deputata no vax Cunial, potrà entrare solo con green pass
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni