Covid 19
8 Novembre 2021
11:56

Troppi contagi Covid, scuole chiuse: la decisione del sindaco di Montecalvo Irpino

Troppi contagi Covid, soprattutto tra gli studenti, a Montecalvo Irpino, in provincia di Avellino, il sindaco Mirko Iorillo chiude le scuole fino a domani, martedì 9 novembre 2021, per “l’elevato numero di isolamenti domiciliari disposti dall’Asl a causa dei contagi anche tra gli studenti del plesso scolastico e considerata la necessità di prevenire ulteriori contagi”.
A cura di Pierluigi Frattasi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Troppi contagi Covid, soprattutto tra gli studenti, a Montecalvo Irpino, in provincia di Avellino, il sindaco Mirko Iorillo chiude le scuole fino a domani, martedì 9 novembre 2021, per "l'elevato numero di isolamenti domiciliari disposti dall'Asl a causa dei contagi anche tra gli studenti del plesso scolastico e considerata la necessità di prevenire ulteriori contagi". L'ordinanza sindacale è stata motivata dalla "necessità e urgenza di adottare adeguate e proporzionate misure di contrasto e contenimento alla diffusione del Covid19 per motivi precauzionali legati a ulteriori verifiche sanitarie". Il primo cittadino ha ritenuto "necessario e urgente rafforzare ulteriormente le misure di sorveglianza sanitaria per il periodo di tempo necessario e sufficiente a prevenire, contenere e mitigare la diffusione della malattia infettiva diffusiva Covid19".

L'ordinanza

Si è in presenza, infatti, secondo il Municipio, di "un rischio estremamente elevato di diffusione del Coronavirus o di sue varianti nella popolazione scolastica". A seguito della "comunicazione dell'Asl del 4 novembre scorso con le quali sono state trasmesse 44 misure di isolamento domiciliare per possibili contagi da Covid19 delle quali 18 a carico di minori frequentanti il plesso scolastico di via Palombaro". E la successiva nota dell'Asl del 6 novembre con cui si dispongono misure di isolamento domiciliare precauzionale per altri 11 minori in età scolare".

Il sindaco ha così sospeso "le attività didattiche in presenza dei servizi educativi per la prima infanzia (asilo nido), della scuola dell'infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado nei giorni 8 e 9 novembre 2021. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario mantenere una relazione educativa che realizzi l'effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali".

Impennata di contagi anche ad Ariano Irpino, già zona rossa durante la seconda ondata di Coronavirus, lo scorso anno, con presidio dell'Esercito ai confini del Comune. Mentre a Cervinara, grosso centro della Valle Caudina, in Irpinia, il focolaio sarebbe partito dopo due feste, un compleanno e una laurea, celebrati in due locali privati della zona. Le foto poi sono state pubblicate sui social, diventando virali e suscitando la rabbia anche del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che sabato scorso ha scritto una nota in merito, paventando anche il rischio di una nuova zona rossa per il Comune dell'Avellinese.

29807 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni