173 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Dicembre 2021
17:29

Torre del Greco, a 100 anni riceve la terza dose di vaccino anti Covid. Il figlio: “È per la sua salute”

Maddalena, alla veneranda età di 100 anni, si è sottoposta alla terza dose di vaccino anti Covid per lanciare un messaggio a quanti ancora non lo hanno fatto.
A cura di Federica Grieco
173 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Alla veneranda età di 100 anni ha deciso di sottoporsi alla somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid. La protagonista di questa storia è Maddalena, signora di Torre del Greco, popoloso comune in provincia di Napoli. Un gesto che nasconde un messaggio estremamente significativo: bisogna vaccinarsi ed è utile farlo anche a quest'età. Il vaccino, infatti, resta l'unica arma per sconfiggere questo virus che, da quasi due anni ormai, sconvolto le nostre vite.

Proprio con l'obiettivo di spingere quanti sono ancora indecisi o dubbiosi nei confronti del vaccino che Maddalena ha deciso di farsi somministrare la terza dose di vaccino davanti alle telecamere del TGR Campania. «Il vaccino – spiega Sergio, il figlio di Maddalena – è sempre utile, anche a 100 anni, perché salvaguarda l'integrità della sua salute». Maddalena, per ricevere la sua dose di vaccino, è stata raggiunta presso la sua abitazione dal personale dell'Asl Napoli 3. Presente durante la somministrazione anche Antonio Coppola, responsabile Covid dell'Asl Napoli 3. «Come la signora – spiega Coppola – sono moltissimi i centenari che pretendono la terza dose, perché hanno capito che è l'unico modo per preservare la salute e uscire da questa pandemia che ci ha un po' rovinati negli ultimi tempi».

A 100 anni riceve la terza dose di vaccino a Meta di Sorrento

Tra i tanti centenari che hanno deciso di farsi somministrare la terza dose anche Vincenzo Buonocore di Meta, comune della penisola sorrentina. Lo scorso novembre, era stato raggiunto presso la sua abitazione dal personale dell'Asl Napoli 3 per ottenere la sua dose, dopo le prime due ricevute a gennaio dello scorso anno, quando era stata data la possibilità alle persone che rientrano nella categoria dei pazienti fragili di sottoporsi alla vaccinazione.

Il signor Vincenzo ha deciso di farsi fotografare dal figlio Giuseppe durante la somministrazione, che ha poi postato la foto sul suo profilo social, per lanciare un messaggio a tutte quelle persone che sono ancora riluttanti all'idea di sottoporsi alla vaccinazione. «Mio padre – spiega Giuseppe a Fanpage.it – si reca ancora autonomamente dal barbiere e in chiesa. Da quando c'è il Covid, non lo ha più fatto nel rispetto delle restrizioni imposte dal governo. Ha deciso di sottoporsi al vaccino, e quindi anche alla terza dose, per poter riconquistare la quotidianità».

173 CONDIVISIONI
29521 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni