916 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 10 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
18 Agosto 2022
19:44

Terremoto a Salerno, Alfonso Andria lascia il Pd: “Non è un partito ma una porta girevole”

Lettera al vetriolo di Alfonso Andria che riconsegna la tessera Pd: “Non sono più a mio agio, qui logiche padronali”
916 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Le candidature nei listini bloccati e nei collegi uninominali del Partito Democratico continuano a generare malumori in Campania, terra di "catapultati" alle elezioni politiche del 25 settembre. L'ultima in ordine di tempo è quella di Alfonso Andria, che ha riconsegnato la tessera al segretario provinciale del Pd Salerno Enzo Luciano.

Andria, già presidente di Provincia, senatore ed europarlamentare, accompagna la tessera con una lettera al vetriolo, ben più pesante delle motivazioni che, appena qualche giorno fa, hanno portato Federico Conte a rinunciare alla candidatura.

Scrive Andria che «da tempo non è più a suo agio» nel Pd. E spiega:

ln epoca più recente sul piano nazionale e soprattutto nel contesto locale salernitano, lo spirito fondativo è stato, a mio giudizio, svilito e poi tradito. Ho sostenuto le varie candidature PD dei vertici di Regione Campania, Provincia e Comune di Salerno, la stessa Tua a Segretario provinciale.

Pur avendo fatto militanza con passione e assiduità (peraltro negli ultimi 10 anni in assenza di qualsivoglia ruolo elettivo istituzionale o politico), da tempo non sono più a mio agio.

Il ripiegamento del partito a Salerno e nella sua vastissima provincia entro logiche padronali, il ricorso continuo a metodi assolutamente opposti ai princìpi ispiratori del PD pur di affermare un'egemonia, spesso basata sull'esercizio muscolare, di fatto ne mortificano la funzione e la natura, fino a contraddire la sua stessa denominazione.

Poi traccia la cronistoria delle ultime ore che hanno portato alle candidature salernitane, guidate da Piero De Luca:

 L'individuazione delle candidature alle imminenti elezioni per il rinnovo del Parlamento attraverso una riunione lampo della Direzione provinciale, la fase tuttora in corso dei ritocchi alla compilazione delle liste a livello nazionale — caratterizzata dalle vicende disinvolte delle ultime ore e perciò ancor più imbarazzanti — rendono l'idea non di un partito politico ma di un edificio dalle porte girevoli del quale servirsi a seconda delle convenienze. Per me basta così.

916 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni